Contenuto sponsorizzato

Arriva la neve anche a bassa quota, ecco le previsioni per il fine settimana. De Col: “Non è escluso che la situazione si aggravi”

La perturbazione per la quale è stata emanata un’allerta gialla investirà il Trentino durante il fine settimana, De Col della protezione civile: “Fino a due metri di neve nelle quote più alte. Tenendo conto della situazione sanitaria dobbiamo evitare possibili ricoveri in ospedale, in presenza di neve gli anziani restino in casa”

Foto d'archivio
Di T.G. - 03 dicembre 2020 - 19:52

TRENTO. La protezione civile del Trentino conferma l’allerta gialla che scatterà domani, 3 dicembre, su tutto il territorio provinciale, di fatto le previsioni confermano che per venerdì, è previsto cielo coperto con precipitazioni a cominciare da ovest, che durante il pomeriggio si estenderanno ad altri settori e aumenteranno di intensità.

 

Nevicate importanti potrebbero registrarsi oltre i 500 metri di quota anche si a livello locale non si escludono fenomeni a quote inferiori. Nella serata, nei settori sud ed est, la quota neve dovrebbe alzarsi sopra i 1000 metri di altitudine mentre in quelli che si trovano a nord ovest potrebbe registrarsi nevicate anche a bassa quota.

 

Nella giornata di sabato cielo coperto con precipitazioni diffuse e abbondanti, mentre la quota neve è data in aumento sopra i 1500 metri. Domenica sono probabili precipitazioni diffuse e abbondanti con quota neve in calo fino a 1000 metri, anche se a livello locale la neve non mancherà di imbiancare a quote inferiori.

 

Raffaele De Col, numero uno della protezione civile trentina ha consigliato alle persone con difficoltà motorie o anziane di rimanere in casa evitando gli spostamenti sui marciapiedi in presenza di neve: “Tenendo conto della situazione sanitaria dobbiamo evitare possibili ricoveri in ospedale che potrebbero intasare il sistema”. Un altro suggerimento è quello di guidare con prudenza montando gomme neve o portando con sé le catene. D’altra parte ha osservato De Col, riferendosi all’allerta gialla emanata per la perturbazione in arrivo: “Non è escluso che la situazioni si aggravi”.

 

 

Di seguito il riepilogo della Provincia:

 

Venerdì 4 dicembre:

Nevicate dal primo mattino, in forte intensificazione dal pomeriggio. In quota attesi 50-80 centimetri di neve, 30-50 centimetri di neve nei fondovalle ad ovest; a sud ed est quota neve in aumento fino a 1000 metri circa dal pomeriggio sera. Venti forti nel pomeriggio sera, con raffiche localmente superiori a 100 km/h in montagna.

 

Sabato 5 dicembre:

Di mattina si attenua temporaneamente il flusso che poi riprende molto forte nel pomeriggio e specie ad est; quota neve in innalzamento anche oltre i 1500 metri, soprattutto a sud-est. Possibilità di oltre un metro di neve ad est sopra i 1500 metri, quantitativi inferiori altrove e a quote inferiore. Venti forti al pomeriggio sera, anche a più di 100 km/h in montagna.

 

Domenica 6 dicembre:

Previsione ancora incerta ma sono probabili precipitazioni abbondanti con quota neve in calo fino a circa 1000 metri o a quote inferiori dal pomeriggio. Nel complesso, da venerdì a domenica sera, ci si aspettano cumulate medie di 150-200 millimetri, ma localmente si potranno superare i 250 - 300 millimetri ed in quota potrà cadere più di un metro e mezzo di neve.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato