Contenuto sponsorizzato

"Ciao Mirko, continua a mandarci il tuo sorriso da lassù". Addio a Mirko Toller, il 16enne che combatteva contro la Sma

Il 16enne di Segonzano Mirko Toller si è spento. Affetto da atrofia muscolare spinale, era divenuto celebre per degli spot girati con il comico Checco Zalone per la raccolta di fondi a favore della ricerca contro la Sma. "Ciao Mirko. Se puoi, continua a mandarci il tuo sorriso, perché ne abbiamo bisogno". Lascia i genitori e due sorelle

Pubblicato il - 02 ottobre 2020 - 09:26

SEGONZANO. Si è spento all'età di soli 16 anni Mirko Toller, il giovane di Segonzano, in val di Cembra, divenuto famoso per aver recitato in un simpatico spot per l'associazione Famiglie Sma con l'attore comico Checco Zalone. Affetto da atrofia muscolare spinale, patologia neuromuscolare che si caratterizza per la graduale morte delle cellule nervose del midollo spinale, il ragazzo cembrano aveva fatto breccia nei cuori di molti.

 

 

Attivo sui social, con un canale youtube tenuto assieme alla sorella Linda, Mirko era stato in grado di raccontare la propria malattia senza patetismi e con una grande forza. Negli spot girati con Zalone, “affrontava” il personaggio villano e irrispettoso impersonato dal comico, prestando il suo volto e la sua simpatia alla ricerca per l'atrofia muscolare.

 

Tanti i messaggi di cordoglio arrivati alla famiglia e suoi social, dapprima nel gruppo officiale Mirko Fan Club e poi dallo stesso Zalone, che con un post su facebook ha salutato il piccolo grande Mirko con parole d'affetto. “Ciao grande Mirko. Se puoi, da lassù, continua a mandarci il tuo sorriso, perché ne abbiamo bisogno”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato