Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, 441 casi positivi e 16 vittime. Aumentano i contagiati e i morti in Alto Adige

Nell'aggiornamento quotidiano dato dall'Azienda sanitaria altoatesina si è registrato un aumento di 58 casi di contagio e di 4 morti rispetto a ieri. Il bilancio è così portato a 441 casi positivi e 16 vittime. Le persone attualmente in terapia intensiva sono invece 25

Pubblicato il - 19 marzo 2020 - 10:57

BOLZANO. Sale a 441 il numero di contagiati da Covid-19 in Alto Adige. Il bollettino, che ieri segnava 383 infetti e 12 morti, registra nella giornata di mercoledì 18 marzo un importante incremento con 58 persone positive e 4 morti in più.

 

Venticinque dei 441 contagiati da Covid-19 sono tutt'ora in terapia intensiva. Nell'ambito dell'intensificazione della somministrazione dei tamponi, inoltre, l'Azienda sanitaria altoatesina comunica di averne consegnati 1.000, di cui 750 analizzati e 58, appunto, risultati positivi.

 

Dall'inizio della pandemia i tamponi totali effettuati sono stati 3568 su 2504 persone. Le persone ricoverate attualmente sarebbero 128, mentre 102 i pazienti sospetti.

 

In quarantena, infine, rimangono 1.619 persone.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato