Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, abita in zona rossa ma viene in Trentino per raggiungere la seconda casa. Fermato dai carabinieri e multato

Delle oltre 450 persone controllate negli ultimi 4 giorni, 13 sono state sanzionate per violazioni alla normativa, soprattutto per assembramenti e spostamenti delle ore notturne quando vige il divieto e il mancato utilizzo della mascherina

Foto da internet
Pubblicato il - 13 novembre 2020 - 09:17

TRENTO. In zona rossa ha deciso di ignorare i divieti e si è messo alla guida dell'auto per raggiungere la sua seconda casa in Trentino.

 

E' successo nei giorni scorsi ad un bolzanino fermato da una una pattuglia del Nucleo Radiomobile a Ruffré-Mendola. I carabinieri hanno fermato l'autovettura e hanno scoperto che alla guida c'era un residente dell'Alto Adige. Era diretto alla seconda casa, in alta Val di Non, violando il divieto di spostamento dalla provincia di Bolzano, individuata quale “zona rossa” con Ordinanza del Ministero della Salute. L'uomo è stato immediatamente sanzionato.

 

Ma non è l'unico episodio che ha visto in questi giorni le forze dell'ordine operare sul territorio.  Delle oltre 450 persone controllate negli ultimi 4 giorni, 13 sono state sanzionate per violazioni alla normativa, soprattutto per assembramenti e spostamenti delle ore notturne quando vige il divieto e il mancato utilizzo della mascherina.

 

E' il caso di tre giovani di Cles sono stati trovati da una pattuglia mentre si intrattenevano, creando un piccolo assembramento, vicino alla fermata degli autobus di Piazza Fiera senza indossare la mascherina.

 

Quattro ragazzi di Vermiglio, invece, sono stati controllati in piena notte in centro paese, mentre, senza alcun motivo, chiacchieravano, violando il divieto di spostamento notturno.

 

Stessa situazione anche a Peio dove 5 operai di una ditta del luogo sono stati fermati dai militari della Stazione di Cogolo mentre passeggiavano per le vie del paese ancora senza un giustificato motivo ed in violazione del divieto di spostamento notturno.

 

Tutti sono stati sanzionati amministrativamente, per un importo tra i 400 e i 533 euro, risultate ad oggi già tutte pagate.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 12:13

Al gestore del bar la sanzione di 400 euro perché ha violato le disposizioni che impongono di non poter ricevere alcun cliente dopo le ore 18 all’interno del locale.  I controlli messi in campo da una task force interforze, voluta dal Questore di Trento, composta da agenti della Polizia di Stato, della Polizia Locale di Trento e della Guardia di Finanza che ha passato al setaccio i locali pubblici della città

24 gennaio - 14:33

Preoccupa che questa variante possa ridurre l'efficacia del vaccino. Dopo che i primi casi sospetti di mutazione si sono verificati nel distretto di Kitzbühel, il Tirolo ha inviato mille campioni all'Agenzia nazionale della salute “Ages” per il sequenziamento

24 gennaio - 09:44

La vicenda è iniziata nell'agosto dello scorso anno quando la ragazza si è sentita poco bene. Secondo le verifiche portate avanti dai Nas le due tac fatte alla giovane non sono state lette correttamente 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato