Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il più grande ritrovo degli Schützen dell’arco alpino è stato spostato all'anno prossimo

L'edizione numero 26 dell’Alpenregionstreffen degli Schützen spostata all’anno prossimo. Armin Oberprantacher, comandante della Schützenkompanie S. Martino in Passiria: "E' stata una decisione molto sofferta. In questa situazione la salute di noi tutti e nient’altro è quello che conta" 

Pubblicato il - 26 March 2020 - 17:05

TRENTO. L'edizione numero 26 dell'Alpenregionstreffen degli Schützen è stata spostata all’anno prossimo. “E' stata una decisione molto sofferta”, commenta Armin Oberprantacher, comandante della Schützenkompanie S. Martino in Passiria. Un altro evento deve cambiare i piani a causa dell'emergenza coronavirus.

 

Nonostante il nostro ottimismo iniziale e previa consultazione delle autorità competenti - aggiunge il comandante - le federazioni delle Schützen dell’arco alpino e i numerosi co-organizzatori hanno preso però la decisione di disdire l’evento in tempi utili e di fissare già una nuova data per l’anno prossimo".

 

L’Alpenregionstreffen dal 21 al 24 maggio nella val Passiria avrebbe dovuto essere la più grande e colorata festa del 2020 con oltre 10 mila partecipanti dalla Baviera, dal Tirolo, Alto Adige e Trentino. Ora gli organizzatori hanno deciso di spostare la ventiseiesima edizione del grande incontro degli Schützen dell’arco alpino all’anno prossimo.

 

“In queste settimane il coronavirus sta paralizzando la vita sociale in tutta l’Europa - dichiara il comandate degli Schützen di San Martino in Passiria - anche se possiamo pensare, nella migliore delle ipotesi, che il peggio passerà fra qualche settimana, non sarà ancora finita e ci vorrà del tempo finché le nostre vite torneranno alla normalità".

 

 A parte questo, nella programmazione era stata prevista la presenza di almeno 10.000 partecipanti, “E’ evidente che se gli Schützen della Baviera e del Tirolo non potessero venire perché il virus da loro raggiunge il suo culmine qualche settimana più tardi, questo non solo sarebbe un peccato, ma comporterebbe anche un danno per le associazioni organizzatrici, per il turismo e tutta l’economia della nostra valle”, così Oberprantacher. “E non è da dimenticare: ciò che conta in questa situazione è la salute di noi tutti e nient’altro”.

 

Dopo aver consultato le autorità competenti, le federazioni degli Schützen dell’arco alpino e i numerosi co-organizzatori hanno preso la decisione di disdire l’appuntamento in tempi utili e spostare la festa all’anno 2021. “Desideriamo ringraziare il juniorTeam  S. Martino-Moss che ha spostato il Cordial Cup tradizionale al fine settimana del 27 e 28 marzo”, così il responsabile del team d’organizzazione Lukas Fahrner. “Nelle prossime settimane ci fermeremo e raccoglieremo le nostre forze, per poi riprendere con grande entusiasmo.” Intanto gli organizzatori hanno già fissato una nuova data per l’Alpenregionstreffen e il Psairer Musikfestival che si terranno dal 22 al 25 aprile 2021. I biglietti per i concerti rimangono comunque validi per l’anno prossimo.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 24 settembre 2022
Telegiornale
24 Sep 2022 - ore 21:22
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
24 settembre - 19:13
Una lettera per chiedere maggiori controlli contro le speculazione sugli alpeggi è stata consegnata all’assessora Zanotelli, i pastori [...]
Economia
24 settembre - 19:20
Al teatro Sociale di Trento i maggiori esponenti del movimento calcistico a livello italiano hanno cercato di rispondere alle questioni più [...]
Cronaca
24 settembre - 18:22
In Veneto, fino alla fine di settembre, è stata sospesa la caccia per diverse specie di uccelli migratori, inoltre sarà vietato l’utilizzo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato