Contenuto sponsorizzato

La storica sagra di Polenta e Mortadella salta per colpa del coronavirus: “Abbiamo deciso di sospendere temporaneamente la manifestazione”

Dal comitato fanno sapere che, se possibile, la festa verrà spostata a data da destinarsi. Annullata senza una data di riserva la corsa organizzata dal Gruppo Iniziative Varone che si sarebbe dovuta tenere in concomitanza della sagra

Pubblicato il - 24 febbraio 2020 - 16:07

RIVA DEL GARDA. Varone, almeno per il momento, dovrà dire addio alla tradizionale sagra di “Polenta e Mortadella”, il motivo è ovviamente da ricondurre alle precauzioni richieste dalla Pat per il contrasto alla diffusione dell’epidemia di coronavirus.

 

“Abbiamo deciso di sospendere temporaneamente la manifestazione prevista per domenica 1 marzo 2020 – scrive il comitato Polenta e Mortadella su Facebook – la festa verrà, se possibile, spostata a data da destinarsi anche in seguito agli sviluppi e rispetto ad eventuali nuove ordinanze”.

 

Si tratta di una decisione prudenziale volta a tutelare la salute di tutti, spiegano: “La decisione è stata presa in collaborazione con il Gruppo Iniziative Varone, organizzatore della corsa non competitiva Quattro passi in attesa della Polenta e Mortadella”. La corsa invece è da ritenersi annullata senza data di riserva.

 

Uno smacco di certo per i tanti appassionati, ma prevenire è meglio di curare, questa potrebbe essere una delle prime volte che la tradizionale sagra di “Polenta e Mortadella” non viene mantenuta. Questa festa infatti è una delle più popolari e antiche di tutto il Trentino, potrebbe risalire addirittura al lontano 1708.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

22 ottobre - 13:19

Una proposta semplice quanto efficace che permetterebbe agli esercenti di ''salvare'' la stagione come avvenuto in estate tra plateatici allargati e tavolini all'aperto. Con il freddo si dovrebbe, altrimenti, tornare al chiuso ma tra regole sul distanziamento e la paura del ritorno del Covid-19 il rischio che gli spazi coperti restino semi-vuoti appare molto concreto

22 ottobre - 12:31
Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia e Svizzera. Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato