Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in 4 giorni 929 positivi in Trentino ai tamponi molecolari ma solo a Trento ci sono anche 500 casi in più con test antigenico. Da Arco a Ledro ecco alcuni dati

Per l'ennesima volta il presidente ha spiegato che "Non è un problema dire i dati" e il solito ritornello sul ministero. Ma i numeri non vengono ancora comunicati da piazza Dante

Di Luca Andreazza - 16 novembre 2020 - 04:01

TRENTO. Un altro giorno da "Siamo zona gialla", nessuna novità sul fronte dei numeri dei test antigenici. E si prosegue sull'onda dei messaggi della Provincia altamente contraddittori: "Rt in calo" e "I dati delle terapie intensive ci confortano perché non siamo ai livelli della primavera" (a Bolzano ci sono 43 terapie intensive occupate e 106 vittime contro i 33 posti letto a Trento e 119 decessi) ma "La zona arancione è dietro l'angolo", "Bisogna fare attenzione" e viene firmata un'ordinanza più stringente.

 

Un'altra conferenza stampa in sequenza della Provincia per ripetere più o meno gli stessi concetti: una per annunciare l'arrivo dell'ordinanza, le zone rosse e delineare qualche contenuto, una per spiegare il provvedimento e un'altra per ripetere le misure contenute nella nuova disposizione. "C'è la richiesta sui dati degli antigenici, per la verità sono i cittadini a chiedere e nessun giornalista", la domanda del capo ufficio stampa. Forse per evitare di dover sentire ancora una volta il ritornello che riguarda il ministero. La sensazione è quella che si aspettino nuove da Roma: se deve essere "zona rossa", la responsabilità se la prendano gli altri. 

 

Una circolare ministeriale è stata fraintesa per un mese (Qui articolo) e il Trentino ha trascorso tutta la primavera a fare una doppia contabilità dei contagi: i tamponi in tutta la fase più acuta non sono stati praticamente eseguiti e per finire tra i "casi" bastava starnutire se si era un contatto di un test positivo accertato. Ora invece che c'è quello antigenico, sufficientemente sensibile e affidabile, sempre più utilizzato (nonostante le incertezze iniziali - Qui articolo), ci si arrocca a comunicare esclusivamente il dato del molecolare

 

E' ormai evidente che i positivi ormai si trovano sempre di più con i test antigenici (che in Trentino sono sempre di più visto che si eseguono anche nelle farmacie come da progetto pilota nazionale e ormai da quasi due settimane bastano per l'isolamento domiciliare non necessitando più del tampone di controllo) mentre i tamponi molecolari si usano sempre di più per cercare anche i negativi (quindi chi risulta positivo da antigenico non finisce in questi conteggi ma rientra come negativo e guarito al termine del ciclo grazie al molecolare).

 

Recentemente si è perso tempo per poi compiere un passo indietro sull'ordinanza della lettura "tra le pieghe" del Dpcm, un provvedimento che è stato poi comunque sospeso dal Tar. "Non è un problema comunicare i dati, li inviamo già ai sindaci", il commento di Fugatti, nessun problema ma ormai da settimane nessun numero, si viaggia a spezzatino e diventa complicato ricostruire un quadro provinciale (Qui articolo): una panoramica complessiva di un contagio che sembra triplo rispetto a quanto viene riportato dai report, comunque decisamente più alto: un indizio potrebbe derivare anche dall'inserimento in "zona rossa" dei Comuni con un'incidenza, escluso le Rsa, che si attesta al 3% quando nella prima fase si era indicato il 2%. In questo caso il test antigenico conta e anche questo appare quindi poco coerente.  

 

Da giovedì 12 a domenica 15 novembre sono stati registrati in provincia 929 nuovi positivi e 39 decessi. Solo Trento in questi stessi 4 giorni è cresciuta di circa 500 infetti a Covid-19 identificati dai test antigenici (Se mercoledì i positivi ai tamponi antigenici nel capoluogo erano 1100 ieri sono arrivati a quasi 1600). La richiesta è quella di fornire un'informazione seria e completa della reale situazione epidemica sul territorio per aumentare la consapevolezza, una comunicazione trasparente è un diritto della popolazione. E' anche una forma di rispetto verso tutti quegli operatori a vario titolo impegnati in questa difficile battaglia contro il Covid-19. Le scelte (o rispondere di quelle non prese) passano anche da qui.

 

La gestione è inevitabilmente difficile, ma cercare di mitigare la realtà non aiuta poi a chiedere responsabilità, se proprio il comandante in capo sembra più interessato a una campagna elettorale perenne e decisioni prese tanto a spot quanto estemporanee. E' fondamentale il rispetto delle regole di tutti per interrompere la catena del contagio, ma anche una guida chiara in tempi di crisi. In questo continuo procedere claudicante, necessaria la comunicazione del numero dei test antigenici eseguiti, dei positivi totali nella seconda ondata e quanti di questi sono stati confermati dai tamponi molecolari e quanti invece rientrano nei dati ufficiali senza ulteriore verifica perché già negativizzati. Questo senza coprirsi dietro il ministero (o senza aspettare indicazioni da Roma) perché si deve evitare un lockdown ma non è una gara oppure una partita di poker, si parla della salute pubblica di tutti i trentini.

 

Dati di domenica 15 novembre degli attuali positivi:

- Ala: 15 con molecolare | circa il doppio con test antigenico

- Arco: 70 con molecolare | 210 con test antigenico (Dati dell'11 novembre: 64 con molecolare| 176 con antigenico)

- Andalo: 0 con molecolare | 5 con test antigenico

- Bedollo: 21 con molecolare | 32 con test antigenico (Dati del 12 novembre: 20 molecolare | 24 con antigenico)

- Besenello: 4 con molecolare | 22 con test antigenico

- Brentonico: 23 con molecolare | 13 con test antigenico (Dati dell'11 novembre: 21 con molecolare | 11 con antigenico)

- Calceranica:  6 con molecolare | 11 con test antigenico

- Cavalese: 8 con molecolare | "Nettamente di più", il commento dell'amministrazione comunale

- Cavedine: 5 con molecolare | il dato degli antigenici è circa il doppio

- Dro: 21 con molecolare | il dato degli antigenici è circa il doppio

- Folgaria: 5 con molecolare | 30 con test antigenico (Dati dell'11 novembre: 2 con molecolare | 11 con test antigenico)

- Lavarone: 3 con molecolare | 4 con test antigenico

- Ledro: 12 con molecolare | 62 con test antigenico

Levico: 40 con molecolare | 74 con antigenico (Dati dell'11 novembre: 43 con molecolare | 65 con antigenico)

- Mezzocorona: 18 con molecolare | 98 con test antigenico (Dati dell'11 novembre: 19 con molecolare | 55 con test antigenico)

- Mezzolombardo: 17 con molecolare | 96 con test antigenico (Dati dell'11 novembre 24 con molecolare | 56 con test antigenico)

- Molveno: 1 con molecolare | 5 con test antigenico

- Mori:  62 con molecolare | 109 con antigenico (Dati dell'11 novembre: 53 con molecolare | 99 con antigenico)

- Nago-Torbole: 10 con molecolare | 18 con test antigenico

- Pinzolo: 10 con molecolare | il dato degli antigenici è circa il doppio

- San Michele: 13 con molecolare | 80 con test antigenico (Dati dell'11 novembre: 17 con molecolare | 58 con test antigenico)

- Terre d'Adige: 13 con molecolare | 38 con test antigenico (Dati dell'11 novembre: 11 con molecolare | 20 con test antigenico)

- Tesero: 16 con molecolare | 50 con test antigenico

- Trento: 650 con molecolare | 1.590 con test antigenico (Dati dell'11 novembre: 750 con molecolare |1.100 con antigenico)

- Valdaone: 3 con molecolare | 7 con test antigenico (Dati dell'11 novembre: 3 con molecolare | 4 con antigenico)

- Vallelaghi: 7 con molecolare | 53 con test antigenico

- Val di Fassa: una ventina i postivi e il dato degli antigenici è circa il triplo

- Val Giudicarie: una sessantina i positivi e il dato degli antigenici è circa il triplo

- Villa Lagarina: 12 con molecolare | 48 con test antigenico

 

Sabato 14 novembre:

- Borgo Valsugana: 79 con molecolare | 63 con test antigenico

- Pergine: 257 con molecolare | 227 con test antigenico

 

Venerdì 13 novembre

- Primiero San Martino di Castrozza: 3 con molecolare | 24 con test antigenico

- Baselga di Pinè: 86 con molecolare | 86 con test antigenico

 

Giovedì 12 novembre:

- Sella Giudicarie: 10 con molecolare / 45 con antigenico

- Storo: 4 con molecolare / 15 con antigenico

- Bondone: 1 con molecolare / 4 con antigenico 

- Borgo Chiese: 3 con molecolare /9 con antigenico

 

Mercoledì 11 novembre

- Lavis: 46 con molecolare | 111 con test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 20:20

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 49 in alta intensità. Sono stati trovati 176 positivi a fronte dell'analisi di 740 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 23,8%

30 novembre - 20:31

Un'operazione un po' diversa rispetto al modello di screening di massa altoatesino, ma comunque un'attività a più ampio raggio per cercare di interrompere il prima possibile eventuali catene di contagio attraverso una serie di test antigenici. E' necessaria l'impegnativa del medico di base per portare effettuare il tampone

30 novembre - 19:37

La proposta è quella degli skipass solo a chi pernotta almeno 1 notte in una struttura oppure le persone che possiedono o mettono in affitto una seconda casa. Dura la Cgil, Stefano Montani: "Ennesima estemporanea uscita di Failoni, una proposta che almeno ha il pregio di far sorridere, magari amaramente, ma pur sempre sorridere. L'assessore in cerca di facile pubblicità la smetta di ragionare da albergatore e inizi a farlo da assessore"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato