Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige 25 nuovi contagi con mille tamponi analizzati. Molte le scuole con classi in quarantena

Ieri altri due istituti superiori con positivi e anche un bimbo di un asilo. I contagi nelle ultime 24 ore sono 25 e quasi 1600 le persone che in Alto Adige si trovano in isolamento domiciliare 

Di GF - 28 settembre 2020 - 11:49

BOLZANO. Sono 25 i nuovi casi di coronavirus che sono stati rilevati in Alto Adige nelle ultime 24 ore con l'analisi di mille tamponi e un rapporto che si attesta al 2,5%.

 

A livello provinciale ad oggi sono stati effettuati in totale 173.727 tamponi su 90.576 persone. Come già detto nei giorni scorsi, a preoccupare è la situazione che si sta registrando nelle scuole dove si continuano a rilevare positivi.

 

Ieri erano stati trovati due casi di positività al covid-19 tra gli studenti dell’IIS Bressanone che comprende l'Ite “Falcone e Borsellino” e il Liceo “Dante Alighieri” (QUI L'ARTICOLO). E’ stata predisposta la quarantena preventiva per tre classi, dal 26 settembre e fino al 6 ottobre compreso.

 

Ma non solo, sempre nella giornata di domenica è stata data la notizia di un bambino che frequenta l'asilo "Moos" di Sesto che è risultato positivo al coronavirus (QUI L'ARTICOLO). I provvedimenti del caso sono già stati adottati in coordinamento con il servizio medico.

 

Per quanto riguarda la situazione in Alto Adige, sono 26 le persone che si trovano al momento ricoverate in ospedale e al momento zero si trovano in terapia intensiva.

 

Quasi 1600, invece, i soggetti che si trovano in isolamento domiciliare e di questi sono 42 quelli che si trovano in questa situazione perché di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta.

 

I numeri in breve
Tamponi effettuati ieri (27 settembre ): 1.000

Nuovi casi positivi: 25

Numero delle persone testate positive al coronavirus: 3.514 

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 173.727 

Numero delle persone sottoposte al test: 90.576 (+404)

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 26

Pazienti Covid-19 in isolamento nella struttura di Colle Isarco: 44

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 0

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 292 (+0)

Persone in isolamento domiciliare: 1.572 (delle quali 42 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 19.075 (delle quali 1.352 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 20.647

Persone guarite: 2.662 (+12). A queste si aggiungono 911 (+1) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test. Totale: 3.573 (+13)

Collaboratori dell'Azienda sanitaria positivi al test: 237, di cui 235 guariti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 16:45

L'ex presidente di Trento Fiere, Claudio Facchinelli, si trova d'accordo con la decisione del sindaco Franco Ianeselli di sospendere i Mercatini di Natale. "L'impressione è che questa edizione sarebbe un flop annunciato. E' prioritario salvaguardare la salute e evitare gli assembramenti: necessario un forte senso di responsabilità e la capacità di prendere decisioni difficili in tempi di crisi"

19 ottobre - 16:13

Potenza, Chieti e Campobasso sono le città medie italiane che in termini percentuali potrebbero risentire maggiormente delle conseguenze della pandemia da Covid19, a causa della sofferenza di settori fondamentali nella loro economia come l’automotive. Al contrario, Latina, Imperia e Parma beneficeranno del buon andamento di settori cosiddetti anticiclici, quali il farmaceutico e l’agroalimentare. Lo studio di Cerved per l'Anci

20 ottobre - 13:55

Il vicepresidente della provincia di Bolzano ha fatto l'annuncio sui social. E pensare che in Trentino il primo cittadino del capoluogo è stato attaccato proprio dalla Giunta provinciale per la scelta presa ieri. Per Failoni ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato