Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige altri 9 morti ma il trend del contagio cala

Nel bollettino quotidiano, l'Azienda sanitaria provinciale dell'Alto Adige ha comunicato il numero di persone positive (789) e di decessi (44). Crescono le cifre rispetto a ieri, con 65 casi in più e 9 morti tra lunedì 23 marzo e martedì 24. Sono 2365, intanto, le persone in quarantena domestica

Pubblicato il - 24 marzo 2020 - 10:55

BOLZANO. L'Azienda sanitaria altoatesina ha comunicato il numero attualizzato dei pazienti infettati dal nuovo Coronavirus, delle quarantene domestiche e delle vittime. Il bollettino quotidiano registra rispetto a ieri 65 casi in più (ieri erano infatti 724) di pazienti positivi e 9 decessi in più (alla giornata di ieri erano 35).

 

Il bilancio parla dunque di 789 casi di persone infettate da Covid-19 e 44 decessi. I 9 in più registrati rispetto al bollettino di ieri erano tutti anziani che presentavano malattie pregresse.

 

Il laboratorio di microbiologia e virologia dell'Azienda sanitaria di Bolzano continua a lavorare a pieno regime per analizzare i tamponi consegnati. Da ieri alla mattina di martedì 24 marzo 2020 ne sono stati analizzati 537, di cui sono risultati positivi in 65. Ad oggi sono state testate 4292 persone sottoposte a 6631 tamponi.

 

All'ospedale rimangono ricoverate 204 persone malate di Covid-19, con 66 casi ulteriori di pazienti attualmente sospetti. Nelle terapie intensive degli ospedali dell'Alto Adige sono ricoverate 48 persone malate di Coronavirus.

 

In quarantena domestica, infine, si trovano allo stato attuale 2365 persone.

 

Nella giornata di lunedì, tra l'altro, una collaboratrice del governatore Arno Kompatscher è stata trovata positiva. Il presidente della Provincia ha comunicato pertanto che fino alla determinazione del suo eventuale contagio indosserà la mascherina se si troverà in una stanza con altre persone. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 15:55

L’accesso al drive through è possibile solo su appuntamento: la centrale Covid gestisce le agende e fornisce ai singoli indicazioni sulle sedi, gli orari e le modalità di effettuazione del tampone

26 ottobre - 16:14

L’allarme lanciato da alcuni medici del Santa Chiara: Una situazione di sovraccarico lavorativo cronica, che espone a rischio di sicurezza sia i pazienti che il personale medico”. Degasperi: “Le criticità segnalate erano già state evidenziate un anno fa ma con il passare del tempo si sono acuite, perché nessuno ha fatto nulla?

26 ottobre - 20:41

Secondo Fugatti ci sono ancora “migliaia e migliaia di persone che attendono la cassa integrazione”, ma per il segretario della Cgil è vero solo in parte e soprattutto anche la Provincia è in ritardo: “Dei circa 15 milioni promessi ai lavoratori solo una minima percentuale è stata erogata”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato