Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige solo 9 contagi su oltre mille tamponi. Altri due decessi

Rispetto a ieri sono stati registrati due nuovi decessi legati a Covid 19. A trovarsi in quarantena obbligatoria o in isolamento sono 1862 persone

Pubblicato il - 29 aprile 2020 - 12:01

BOLZANO. Continua ad essere al di sotto dell'1%, rispetto i tamponi effettuati, il valore dei contagi in Alto Adige. Secondo le informazioni pubblicate questa mattina dall'azienda sanitaria altoatesina, nelle ultime 24 ore sono stati esaminati 1.088 tamponi e di questi 9 sono risultati positivi al Coronavirus Covid-19. Il tasso di contagio (rispetto i tamponi), quindi, è a circa 0,82%.

 

Sulla base degli ultimi dati il numero delle persone positive al test del Coronavirus si attesta a 2.507 e in totale in provincia di Bolzano finora sono stati fatti 40.218 tamponi su 18.844 persone.

 

Nei normali reparti dei sette ospedali dell’Azienda sanitaria, nelle cliniche private e nella base logistica dell'Esercito appositamente attrezzata a Colle Isarco sono ricoverati complessivamente 191 pazienti affetti da Covid-19 (sono stati aggiunti per la prima volta i pazienti seguiti presso la Clinica S.Anna di Merano).

 

Altre 35 persone assistite dall’Azienda sanitaria sono casi sospetti mentre 10 sono i soggetti che si trovano nei reparti di terapia intensiva.

 

Rispetto a ieri sono 2 morti in più. Il numero dei decessi legati a Covid-19 negli ospedali è di 167 persone mentre nelle case di riposo sono 107 persone. Per un totale di 274 persone decedute in Alto Adige a causa del Covid-19. A trovarsi in quarantena obbligatoria o in isolamento sono 1862 persone e il numero complessivo dei guariti fra sicuri e sospetti si attesta a 1.884 (+ 100 rispetto al giorno precedente).

 

 

 

I numeri in breve:

 

tamponi effettuati ieri (28 aprile ): 1.088

nuovi tamponi positivi:  9

numero complessivo dei tamponi effettuati:  40.218

numero delle persone sottoposte al test: 18.844

numero delle persone positive al Coronavirus:  2.507

pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri, nelle cliniche private ed a Colle Isarco: 191* (sono stati aggiunti per la prima volta i pazienti seguiti presso la Clinica S.Anna di Merano).

numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 10

numero di pazienti Covid-19 ricoverati in reparti di terapia intensiva in Austria: 4

casi sospetti: 35

decessi negli ospedali dell'Azienda sanitaria:  167

decessi nelle case di riposo:  107

decessi complessivi (incluse le case di riposo):  274

persone in isolamento domiciliare:  1.862

persone che hanno concluso la quarantena e l’isolamento domiciliare: 7.890

persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento:  9.752

persone guarite: 1.388  (+72 rispetto al giorno prima). A queste si aggiungono 496 persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test. Totale: 1.884 (+100)

collaboratori dell’Azienda sanitaria positivi al test: 231  (166 guariti)

medici di medicina generale e pediatri di libera scelta positivi: 14  (13 guariti)

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

22 ottobre - 16:05

E' indubitabile il fatto che la scelta a Trento faccia storia. Ma è altrettanto indubitabile il rischio di inciampare nella retorica etnica per pubblicizzare un inedito istituzionale che è rilevante solo se non lo si considera “anormale”. La laurea, il dottorato, i traguardi raggiunti nelle conoscenze di sociologia, economia e finanza, le lingue parlate e il percorso in Trentino

22 ottobre - 13:19

Una proposta semplice quanto efficace che permetterebbe agli esercenti di ''salvare'' la stagione come avvenuto in estate tra plateatici allargati e tavolini all'aperto. Con il freddo si dovrebbe, altrimenti, tornare al chiuso ma tra regole sul distanziamento e la paura del ritorno del Covid-19 il rischio che gli spazi coperti restino semi-vuoti appare molto concreto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato