Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, i decessi a Lavis e Novaledo. Primo positivo dall'inizio dell'epidemia a Ronzo-Chienis e 5 nuovi contagi a Vermiglio

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati I tamponi analizzati sono stati 2.937 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 1,29% di test positivi. E' una settimana che il territorio resta sotto la soglia del 2%

Di Luca Andreazza - 14 May 2020 - 19:35

TRENTO. Sono 5.233 i casi 451 i morti da inizio epidemia coronavirus in Trentino. Sono 3.381 le persone guarite e si attesta a 1.401 il numero degli attuali infettati da Covid-19 (ieri questo dato era di 1.441 unità). Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati I tamponi analizzati sono stati 2.937 (1.490 letti da Apss, 1.081 da Cibio e 366 dalla Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 1,29% di test positivi. E' una settimana che il territorio resta sotto la soglia del 2% (Qui articolo).

 

Ci sono, purtroppo, 2 nuovi decessi in Trentino, le morti sono registrate a Lavis e Novaledo. A Trento sono state registrate 45 vittime con Covid-19 da inizio epidemia, 34 ad Arco e 33 Pergine, 30 a Ledro e 27 a Rovereto. Sono 20 i morti a Predazzo, 16 a Dro Riva del Garda, 15 a Mezzolombardo e 13 a Cavedine, 12 a Pellizzano, 10 a Borgo Chiese Nomi. Sale a 9 decessi Lavis e primo lutto legato a coronavirus a Novaledo.

 

Sono 38 i nuovi infetti. Sono 3 i casi catalogati secondo la classificazione che tiene conto dei sintomi degli ultimi 5 giorni. A questi si aggiungono altri 35 positivi (Qui articolo). 

Ci sono 8 nuovi contagi a Pieve di Bono-Prezzo per un totale di 97 casi da inizio epidemia, mentre sono 5 quelli registrati a Vermiglio per 68 casi. Primo positivo a Ronzo-Chienis.

 

Più 3 a Canazei (93 casi), più 2 a Bleggio Superiore (78 casi), Levico (130 casi) e Riva del Garda (162 casi).

 

Un nuovo positivo a Borgo Lares (10 casi), Campitello di Fassa (44 casi), Castello-Molina di Fiemme (51 casi) e Fiavè (13 casi), Mezzolombardo (99 casi), Ossana (7 casi), Panchià (9 casi) e Pergine (255 casi).

 

E ancora Predazzo (121 casi), Rovereto (204 casi), San Lorenzo Dorsino (11 casi) e Tione (65 casi), Trambileno (5 casi), Trento (657 casi) e Ziano di Fiemme (13 casi).

 

Tassi di contagio. Sono 5 i Comuni già attenzionati per l'alto numero di casi in rapporto alla popolazioneVermiglio (3,7%), Canazei (5%) e Campitello di Fassa (6,2%), Borgo Chiese (5,7%) e Pieve di Bono-Prezzo al 6,7%.

 

Numeri alti anche a Pellizzano (7,7%), Bleggio Superiore (5%), Mazzin (3,4%), Ledro (3,2%), Predazzo (2,7%), Nomi, Canal San Bovo Valdaone (2,6%), StoroSpiazzo San Giovanni (2,5%), Cavedago e Sella Giudicarie (2,4%), Giustino (2,3%), Castello-Molina di FiemmeDrenaPinzolo, Caderzone e Soraga (2,2%), Cavedine Arco (2,1%), Cavalese (2%). Il tasso a livello provinciale è di 0,96%. A Trento si registra 0,55%, Rovereto a 0,5%, Riva del Garda a 0,9% e Pergine a 1,2%.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 January - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

18 January - 08:06

La strada in questione è quella che da Nago porta a Doss Casina sul monte Altissimo. Questa strada, per ordinanza del sindaco, è chiusa al traffico proprio per non esporre gli automobilisti ai pericoli dati dalla neve e dal ghiaccio

17 January - 20:47

E' un momento difficile per gli apicoltori in val di Sole. Un orso non è ancora andato in letargo e quindi è in costante ricerca di cibo. Nel mirino le arnie di diversi apicoltori solandri. Sergio Zanella: "Dovrebbe trattarsi dell'esemplare che è stato immortalato cibarsi dai cassonetti dell'immondizia a Bolentina. Siamo preoccupati perché riesce a introdursi negli spazi nonostante i recinti e le protezioni" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato