Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, la diffusione del contagio (ecco i casi per comune): crescono ancora Vermiglio e Pinzolo. A Canazei l'infezione ha colpito il 2,8% degli abitanti

Oggi sono stati registrati altri 6 morti e il totale è di 41 vittime positive al Covid-19, 23 dei quali avvenuti nelle case di riposo, sono invece 68 i guariti clinicamente. Il direttore del Dipartimento prevenzione: "Il picco era stato previsto per i giorni scorsi, le stime e le proiezioni elaborate in collaborazione con la Fondazione Bruno Kessler si rivelano fino a questo momento corrette. Necessario aspettare il fine settimana"

Di Luca Andreazza - 23 marzo 2020 - 19:00

TRENTO. Sono 1.611 i contagi in provincia in questa emergenza coronavirus, una flessione di positivi nelle ultime 48 ore dopo i 239 casi di sabato scorso, ci sono stati 173 (domenica 22 marzo) e 131 (oggi, lunedì 23) nuovi positivi. In arrivo anche altri due pazienti lombardi, quindi diventano 4 le persone accolte nelle nostre strutture sanitarie (Qui articolo).

 

I sei nuovi decessi sono un uomo del 1935 di Castello Molina di Fiemme, una donna del 1926 di Ledro, un uomo del 1951 di Pieve di Bono, una donna del 1928 di Predazzo, una donna del 1933 di Stenico e un uomo del 1949 di Vermiglio

"Sembra una fase decrescente - dice Antonio Ferro, direttore del Dipartimento prevenzione - il picco era stato previsto per i giorni scorsi, le stime e le proiezioni elaborate in collaborazione con la Fondazione Bruno Kessler si rivelano fino a questo momento corrette. Questa è anche una speranza ma è necessario aspettare il prossimo fine settimana per una ulteriore valutazione". 

L'aggiornamento di Provincia e Apss: 862 in isolamento domiciliare e 345 in Rsa. Sono 207 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 42 in ventilazione semi-invasiva e 42 in ventilazione invasiva. Oggi sono stati registrati altri 6 morti e il totale è di 41 vittime positive al Covid-19, 23 dei quali avvenuti nelle case di riposo, sono invece 68 i guariti clinicamente

 

Più cinque casi ad Andalo che si attesta a 9, mentre Comano si porta a 10 casi e Moena a 11 casi. Cresce ancora Vermiglio, 7 nuovi positivi per un totale di 38 casi, mentre a Pinzolo ci sono 34 casi, Tre Ville con 6 casi, Sella Giudicarie con 16 casi, Spiazzo a 7 casi, Porte di Rendena 7 casi. E poi Ville di Fiemme con 16 casi e Ziano con 2 casi. 

 

E ancora  Arco raggiunge quota 151, mentre Canazei va a 53 unità. A Cavalese ci sono 23 positivi, Ledro a 104 casi e Pergine a 108 casi, quindi aumenti a Pieve di Bono (ora sono 30) e Predazzo (25), San Giovanni di Fassa (33), Storo (24). A Trento sono 216 i contagi, mentre a Rovereto sono 38 casi e Riva del Garda con 44 casi. Nuovi casi sono stati registrati a Caldes, Altavalle e Romeno.

 

A Canazei il tasso nel rapporto contagio/popolazione è di 2,8%, il più alto in Trentino, seguono Campitello a 2,4% e Borgo Chiese a 2,3%. E ancora Ledro a 1,9%, Vermiglio a 1,7% e Pieve di Bono a 1,7%, Cavedago e Cis a 1,3%, Pellizzano e Caderzone a 1,2% e Pinzolo a 1,1%. Il capoluogo si attesta a 0,17%.

 

Il focus sui Comuni:

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 15:55

L’accesso al drive through è possibile solo su appuntamento: la centrale Covid gestisce le agende e fornisce ai singoli indicazioni sulle sedi, gli orari e le modalità di effettuazione del tampone

26 ottobre - 16:14

L’allarme lanciato da alcuni medici del Santa Chiara: Una situazione di sovraccarico lavorativo cronica, che espone a rischio di sicurezza sia i pazienti che il personale medico”. Degasperi: “Le criticità segnalate erano già state evidenziate un anno fa ma con il passare del tempo si sono acuite, perché nessuno ha fatto nulla?

26 ottobre - 20:41

Secondo Fugatti ci sono ancora “migliaia e migliaia di persone che attendono la cassa integrazione”, ma per il segretario della Cgil è vero solo in parte e soprattutto anche la Provincia è in ritardo: “Dei circa 15 milioni promessi ai lavoratori solo una minima percentuale è stata erogata”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato