Contenuto sponsorizzato

Emergenza coronavirus, l'Unione degli Universitari: ''Chiediamo di sospendere gli affitti delle residenze universitarie''

Gli studenti Universitari chiedono l'impegno della Pat affinché contribuisca straordinariamente erogando più fondi all'Opera Universitaria

Pubblicato il - 24 marzo 2020 - 17:31

TRENTO. Sospendere il canone d'affitto per tutti gli studenti e le studentesse che si trovano nelle residenze universitarie. E' questa la richiesta arrivata dall'Unione degli Universitari.

 

La situazione di emergenza sanitaria, economica e sociale che stiamo vivendo ha reso difficile per molti studenti pagare il proprio canone d'affitto agevolato nelle residenze universitarie dell'Opera Universitaria e negli appartamenti privati.
 

La richiesta che arriva dall'Unione degli Universitari è che la Provincia Autonoma di Trento contribuisca straordinariamente erogando più fondi all'Opera Universitaria, così che l'ente per il diritto allo studio possa sospendere il canone d'affitto per tutti gli studenti e studentesse.
 

"La Provincia – ha spiegato la coordinatrice Udu Paola Paccani - ha finalmente l'occasione per un cambio di rotta nel suo rapporto con l'istituzione universitaria e gli studenti: deve agire ora e considerare anche gli studenti e le studentesse come categoria da tutelare. L'economia di questa città va avanti anche grazie a noi: pretendiamo ascolto e supporto".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 18:52

Gli affari non girano nemmeno con le promozioni messe in campo con il "Black Friday" e tanti negozianti trentini si trovano in difficoltà. "Le persone hanno paura, non sono serene nel fare gli acquisti e questo sta avendo delle conseguenze disastrose su tutto il tessuto economico" ci dicono 

27 novembre - 19:40

Anche oggi, come quasi sempre negli ultimi giorni, si è verificato il sorpasso dei guariti rispetto ai nuovi contagiati trovati 

27 novembre - 18:46

Il presidente ha spiegato che, non domani, ma sabato 5 dicembre potrebbero tornare aperti i negozi e i centri con metratura superiore ai 240 metri quadri e sulle seconde case: ''A Natale dovrebbe essere tutta Italia zona gialla e quindi se la legge resta questa si potrà circolare tra le regioni''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato