Contenuto sponsorizzato

Emergenza neve, in Alto Adige 2.000 persone senza acqua corrente e 5.000 senza elettricità. Chiusa la ferrovia del Brennero e 60 strade bloccate

La situazione rimane difficile per la possibilità di smottamenti, frane e valanghe, oltre che per la caduta alberi. Anche il traffico stradale risente del maltempo con rallentamenti e numerose strade chiuse. La ferrovia della Val Venosta è in funzione fra Tel e Malles. La linea ferroviaria Bolzano-Merano è riaperta da Ponte Adige. La linea ferroviaria del Brennero è ancora chiusa a causa della frana del Virgolo all'altezza di Bolzano. Neanche la ferrovia della Pusteria funziona

Pubblicato il - 07 December 2020 - 16:35

BOLZANO. Ancora 5.000 abitazioni senza elettricità, 2.000 persone attualmente senza acqua corrente, circa 60 strade chiuse e circa 100 missioni dei vigili del fuoco in meno di 6 ore. Questi i numeri odierni dell'emergenza neve in Alto Adige dove, per fortuna, oggi si è avuta una giornata di tregua dopo la tre giorni di maltempo che ha scaricato su tutta la regione tantissima neve e precipitazioni molto abbondanti. Ovunque il terreno si è allentato e si sono verificate frane, smottamenti, crolli di alberi e di rami.

 

E in quota si sono susseguite le valanghe per un'allerta che resta di massimo livello su tutto il territorio anche perché il livello di preallarme-Bravo (il terzo più alto su quattro) resterà attivo fino alla giornata di mercoledì e a partire da questa notte sono attese nuove precipitazioni. Dai geologi ai vigili del fuoco, alle organizzazioni di soccorso, ai servizi stradali e alla protezione civile: da questa mattina sono state dispiegate circa 1.500 persone a causa delle diverse situazioni di danni da maltempo conseguenti alle forti piogge. Oggi alle 14 (7 dicembre) è stato fatto un nuovo punto della situazione nel Centro situazioni provinciale dell'Agenzia della Protezione Civile. A causa di una conduttura danneggiata, circa 2.000 persone a Cengles e Oris (Lasa) e ai Masi della Muta sopra Tirolo sono senza acqua potabile. Gli esperti sono sul posto per controllare e riparare il danno. Attualmente, l'alimentazione elettrica è interrotta in 5.000 famiglie.

 


 

Gli uomini dei vigili del fuoco volontari sono stati chiamati per circa 100 missioni dalle 8 di questa mattina fino alle 14. Tra l'altro, insieme alla Croce Bianca è stato organizzato un trasporto di bombole di ossigeno per i pazienti. Sono stati organizzati voli in elicottero per l'ispezione locale delle commissioni valanghe.

 

Importanti strade sono ancora chiuse, come quelle per la Val Badia e la Val Gardena, e la Val Sarentino è raggiungibile solo via Vanga. Il Servizio strade provinciale segnala attualmente circa 60 chiusure di strade. Tutti i passi sono ancora bloccati. La riunione di oggi della Commissione di valutazione del Centro funzionale provinciale ha preso atto che lo stato di protezione civile resterà al livello Bravo - preallarme fino alla giornata di mercoledì (9 dicembre). Lo riferisce il direttore del Centro funzionale provinciale Willigis Gallmetzer. All'origine di questa decisione c'è il rischio valanghe di livello 4 in tutte le zone della provincia. Per domani sono previste ulteriori precipitazioni fra i 10 e i 20 centimetri, che potranno arrivare a 30-40 centimetri nella zona dell'Ortles, nelle zone meridionali della val d'Ultimo e sulle Dolomiti.

 


 

La situazione rimane dunque tesa per la possibilità di smottamenti, frane e valanghe, oltre che per la caduta alberi. Anche il traffico stradale risente del maltempo con rallentamenti e numerose strade chiuse. Si consiglia di mettersi in viaggio solo in caso di effettiva necessità e di prestare la massima attenzione quando ci si trova all'aperto. La ferrovia della Val Venosta è in funzione fra Tel e Malles. La linea ferroviaria Bolzano-Merano è riaperta da Ponte Adige. La linea ferroviaria del Brennero è ancora chiusa a causa della frana del Virgolo all'altezza di Bolzano. Neanche la ferrovia della Pusteria funziona. E' stato attivato ovunque un servizio di bus sostitutivi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
31 luglio - 06:01
Fra lockdown, restrizioni e perdite altissime i lavoratori dello spettacolo sono stati fra i più danneggiati dalla pandemia: “Viviamo nella [...]
Cronaca
30 luglio - 20:08
Trovati 36 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 32 guarigioni. Ci sono 6 pazienti in ospedale, nessuno in terapia [...]
Cronaca
30 luglio - 20:13
Dalle 16 era stato attivato anche il soccorso alpino di Asiago per partecipare al controllo del territorio per riuscire a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato