Contenuto sponsorizzato

Bufera di neve in Alto Adige tra incidenti e alberi abbattuti. Diverse centinaia di persone senza corrente, chiusa la ferrovia della Val Pusteria e molti passi di montagna chiusi

Il maltempo che si sta abbattendo sull'Alto Adige nelle ultime ore sta creando numerosi disagi. Si registrano problemi in A22 verso il Brennero per i mezzi pesanti, ma su tutto il territorio sono attivi i vigili del fuoco volontari e permanenti per auto bloccate, allagamenti e alberi schiantati a terra per il peso della neve. Oggi è "allerta rossa" e nelle prossime ore si attende un peggioramento della situazione metereologica 

Di G.Fin - 05 December 2020 - 11:09

BOLZANO. Proseguono senza sosta anche in queste ore gli interventi dei vigili del fuoco dell'Alto Adige per assistere i tanti cittadini colpiti dai disagi causati dalla forte nevicata che nelle scorse ore, e anche in alcuni casi attualmente, si è vista in gran parte del territorio.

Auto bloccate dalle neve, automobilisti trovati senza equipaggiamento invernale ma anche cumuli di neve pericolosi, alberi schiantati a terra oppure sulle auto. Sono oltre un centinaio gli interventi portati a termine nel corso della notte dai vigili del fuoco volontari e sono ancora diversi quelli sui quali si è intervenuti questa mattina.

 

Per motivi di sicurezza sono stati chiusi diversi passi, questa la lista dei divieti di transito: Passo Palade, Passo Giovo, Passo Pennes, Passo Gardena, Passo Sella, Passo Pordoi, Passo Campolongo, Passo Valparola e Passo Falzarego. Chiusura invernale invece per il Passo dello Stelvio, Passo Rombo, Passo delle Erbe (raggiungibile dalla Val Badia) e Passo Stalle.

Oggi per quanto riguarda l'Alto Adige, la Protezione civile ha emesso una “allerta rossa”. Le abbondanti precipitazioni quindi continuano. In mattinata, in Val Venosta la precipitazione tenderà a diminuire, ma nel pomeriggio si intensificherà nuovamente.

Più colpite dalle precipitazioni saranno le zone sud (Ultimo, Passiria, zona Brennero e Dolomiti). Con l'arrivo di masse d'aria più miti, il limite delle nevicate si innalzerà e varierà tra 500 e 1300 metri a est può salire verso 2000 metri.

Le forti nevicate stanno creando dei disagi anche lungo l'Autostrada del Brennero, in direzione nord tra Chiusa e Vipiteno dove si registra una coda di mezzi pensanti. La linea ferroviaria della Val Pusteria tra Valdaora e Lienz (Austria) è interrotta fino a lunedì 7 compreso per motivi di sicurezza. È stato istituito un servizio sostitutivo con autobus.

 

In Alto Adige non sono purtroppo mancati i black-out. Attualmente alcune centinaia di utenze sono prive di corrente in Val d’Ultimo, in Val Sarentino e nei Comuni di Castelrotto, Appiano e Sesto.

 

Da ieri sera il Servizio strade della Provincia è costantemente impegnato con tutto il proprio personale ed i mezzi a disposizione. I maggiori problemi, riferisce il direttore di Ripartizione, Philipp Sicher, si registrano nei pressi del passo del Passo delle Palade, in Val d’Ultimo ed in Val Passiria.

 

Da ieri la situazione complessiva viene tenuta sotto osservazione da apposite commissioni di valutazione. Oltre alla Protezione civile ed alla Centrale operativa nel corso delle sedute, in parte in videoconferenza, vengono espresse specifiche valutazioni in merito alla situazione da parte dell’Ufficio meteorologia e dal Centro segnalazione valanghe, dall’Ufficio idrologia e dighe, Opere idrauliche, Ripartizione foreste, Ufficio geologia, del Corpo permanente dei vigili del fuoco, della Centrale viabilità provinciale, Centrale provinciale d’emergenza e dal Servizio strade.

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 January - 05:01

Dalle versioni contraddittorie di Pat e Apss alla conferma del Ministero della Salute che sottolinea: “Il tampone molecolare di controllo deve essere fatto nel più breve tempo possibile. Su questo non c’è dubbio. Non mettiamo un limite temporale, ma possibilmente entro 24-48 ore”. Eppure in Trentino è stato dimostrato che servono almeno 10 giorni

23 January - 20:31

Sono 246 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 6 decessi, mentre sono 28 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

23 January - 19:50

Oggi la conferenza Stato - Regioni, Fugatti: ''I programmi dell'arrivo dei vaccini sono saltati. Ci dobbiamo arrangiare con gli strumenti che abbiamo. Con i vaccini, purtroppo, ci vorrà molto tempo per avere un numero alto di somministrazioni nella popolazione”

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato