Contenuto sponsorizzato

''Ha iniziato a urinare a un metro da me, poi si è girato e mi ha mostrato i genitali. Basta, anche questa si chiama molestia''

Il fatto è successo poche ore fa in Piazza Dante davanti alla sede dell'Inail. A denunciarlo Giovanna Giugni ex consigliera comunale di Trento che ha fotografato l'accaduto: ''Nel pomeriggio andrò a denunciare l'accaduto dai carabinieri''

Di Luca Pianesi - 08 May 2020 - 13:28

TRENTO. ''Se anche questa non è una forma di molestia ditemi voi? Perché devo sopportare che uno mi urini a un metro di distanza e mi mostri i suoi genitali?''.  E' Giovanna Giugni, insegnante e già consigliera comunale a Trento, a denunciare l'accaduto. Un uomo, in tarda mattinata, infatti, a Piazza Dante, davanti alla sede dell'Inail, mentre lei stava camminando sul marciapiede, come se nulla fosse, si è avvicinato alla siepe, si è sbottonato i pantaloni e ha cominciato a urinare.

 

''Sarà stato a un metro e mezzo da me - spiega a ilDolomiti - e allora io mi sono messa a protestare e gli ho detto di farla finita, che schifo. Sentendo le mie proteste si è affacciato da una finestra dell'Inail un medico. Era una finestra al primo piano, quindi anche lui molto vicino a quanto stava succedendo e anche lui gli ha detto di smetterla di andarsene. A quel punto lo ho fotografato e lui ha visto che avevo il cellulare in mano e si è girato mostrandomi i genitali dicendomi di fotografare anche quelli''.

 


 

Ha quindi insultato l'ex consigliera che per farlo allontanare ha detto che avrebbe chiamato le forze dell'ordine. ''Lui ha riso - spiega ancora - e mi ha detto che in quanto donna non potevo permettermi di dirgli niente e che potevo chiamare chi volevo ma lui prima pisciava''.

 

E si è allontanato raggiungendo il gruppetto dei suoi compari che lo aspettavano in cima alla via, sempre ridacchiando. ''Ci tengo a sottolineare che qui non c'è razzismo che tenga - sottolinea Giugni - avrei fatto la stessa cosa se fosse stato un italiano, un inglese o un tedesco. Questo però, per quanto mi riguarda, non è solo un episodio di atti osceni in luogo pubblico, ma è una vera e propria forma di molestia. Che in pieno giorno tra il palazzo della Provincia e quello della Regione davanti alla sede dell'Inail una persona si permetta di urinare davanti a un'altra che sta camminando e le mostri i genitali ridendo penso sia una cosa intollerabile. Nel pomeriggio mi recherò dai carabinieri perché non possiamo accettare di subire questi comportamenti''.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 aprile - 20:14
Trovati 88 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 159 guarigioni. Sono 1.413 i casi attivi sul territorio provinciale
Cronaca
17 aprile - 20:51
L'allerta è scattata a Piazzo di Villa Lagarina. In azione ambulanze, vigili del fuoco di zona e carabinieri. I giovani trasferiti in ospedale per [...]
Montagna
17 aprile - 20:17
Il tema è quello della realizzazione di una strada/sentiero anche per i disabili in Val di Mello in provincia di Sondrio ma vale per qualsiasi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato