Contenuto sponsorizzato

Nel 2019 oltre 3.000 treni ispezionati tra Verona e il Brennero: 578 denunce, 36 arresti e sequestrati 7 chili di sostanze stupefacenti

Inoltre sono stati svolti 850 servizi antiborseggio in abiti civili e rintracciati oltre 60 minori scomparsi

 

Pubblicato il - 12 January 2020 - 20:55

BOLZANO. Durante il 2019 sono state più di 70.000 le persone controllate dal personale della polizia di Stato del compartimento di polizia ferroviaria per Verona e il Trentino Alto Adige. Per permettere un controllo costante ed efficiente è stata impiegata un'intensificazione dei servizi istituzionali, che ha visto oltre 12.000 pattuglie nelle stazioni e 1.350 a bordo treno, provvedendo a controllare circa 9 treni al giorno, per un totale di oltre 3.000 convogli; inoltre 850 sono stati i servizi antiborseggio svolti in abiti civili per contrastare, in particolare, i furti in danno dei viaggiatori.

 

All’attività di prevenzione si è aggiunta l’attività da parte della polizia giudiziaria con 36 arresti, oltre alla denuncia in stato di libertà di 578 persone, il rintraccio di oltre 60 minori scomparsi e il sequestro di quasi 7 chili di sostanze stupefacenti. Complessivamente sono stati 245 i cittadini stranieri irregolari condotti negli Uffici Immigrazione delle rispettive Questure competenti. Nello stesso periodo è stata incessante ed attenta l’opera di prevenzione e repressione delle donne e degli uomini della polizia ferroviaria volta a contrastare il fenomeno dell’immigrazione clandestina.

 

Tra agosto e settembre, in tre distinte operazioni di polizia, il personale della polizia ferroviaria della provincia di Bolzano ha arrestato 3 persone in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, con l’ingente sequestro di oltre 5 chili di droga, sottratta allo smercio nella provincia altoatesina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 January - 11:31

Sono 510 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore in Alto Adige. Il tasso contagi/tamponi sale lievemente rispetto alla giornata di giovedì, mentre il bilancio dei decessi cresce di 3 unità. Sono 540 le persone decedute solamente da settembre. In aumento ancora i ricoveri

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato