Contenuto sponsorizzato

''Non vogliono pagarci, siamo pronti a buttarci dal tetto'' momenti drammatici a Pieve di Bono. Alcuni lavoratori di un cantiere sono in protesta

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco e le forze dell'ordine. Si tratterebbe di alcuni operai che lamentano il mancato stipendio da alcuni mesi. Questa mattina sono saliti sul tetto del cantiere 

Pubblicato il - 14 maggio 2020 - 12:24

PIEVE DI BONO. “Vogliamo essere pagati, siamo pronti a buttarci” sono attimi drammatici quelli che si stanno vivendo in queste ore a Pieve di Bono dove questa mattina alcuni operai hanno raggiunto il cantiere in cui lavoravano e sono saliti sul tetto come segno di protesta avviata, sembrerebbe, per il mancato stipendio di alcuni mesi.

 

Il cantiere è quello del centro di aggregazione giovanile di Pieve di Bono e i lavori sono quelli dati in appalto dall'Amministrazione ad alcune aziende appaltatrici. “Il Comune – ha spiegato il sindaco Attilio Maestri – non è coinvolto. Gli operai in protesta sono di una azienda sub-appaltatrice per alcuni interventi”.

 

Le persone coinvolte sono 5 – 6, alcuni si trovano sul tetto altri invece sono, sempre in protesta, all'entrata dal cantiere. Accanto alla minaccia che avrebbero fatto alcuni lavoratori di volersi buttare dal tetto ci sarebbe anche la richiesta di parlare con qualche responsabili dell'azienda.

Sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco con l'autoscala e le forze dell'ordine. E' stato predisposto anche un cuscino ammortizzatore.

 

La situazione è molto tesa e lo è diventata ancora di più in queste settimane di lockdown che l'hanno ulteriormente aggravata.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

23 ottobre - 18:58

Le foto inviate a ildolomiti.it da parte di alcuni utenti mostrano situazioni a rischio contagio. In nessun caso viene rispettato il metro di distanza fisica. "Dovrebbero aggiungere carrozze ai treni ed invece pensano di aumentare i pullman che rimangono poi vuoti" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato