Contenuto sponsorizzato

Orsi al Casteller, l'appello del ministro Costa a Fugatti: '' Basterebbe un tratto di penna per liberarli. Dai, presidente, la natura te ne sarà grata''

Sergio Costa in un post su Facebook: "Che gli orsi siano comodamente radiocollarati, per monitorarli, portati in montagna e controllati, in modo che non arrechino danni agli agricoltori e non siano un pericolo per le cittadine e i cittadini”

Pubblicato il - 08 ottobre 2020 - 18:16

TRENTO. “Basterebbe un tratto di penna. Vogliamo che Papillon e gli altri due orsi detenuti siano liberi”. A scriverlo è ancora una volta il ministro Sergio Costa che quest'oggi è tornato sulla situazione degli orsi rinchiusi al Casteller.

 

Nei giorni scorsi la relazione arrivata dai carabinieri (QUI L'ARTICOLO) al cui interno si evidenziavano le gravi condizioni nelle quali i tre orsi M49, M57 e DJ3 vivono hanno portato forti critiche nei confronti della Provincia di Trento.

 

“Laddove non sta arrivando il buon senso, ci stanno pensando le carte dei giudici. Qualche giorno fa, dopo l’apertura di un’inchiesta da parte della Procura della Repubblica di Trento – spiega Costa in un post su Facebook - il Presidente della provincia ha ritirato l’ordinanza per nuove catture. Finalmente qualcosa di concreto si sta muovendo a favore degli orsi trentini, e ne sono molto felice”.


Quando sono stati inviati i Carabinieri del Cites al Casteller, spiega il ministro “Speravo proprio in questa serie di risultati positivi concatenati. Ma non mi basta”.

 

Costa torna a chiedere la libertà di Papillon e degli altri due orsi che si trovano rinchiusi nel Casteller. “Il mio - spiega - è un appello al Presidente della provincia, visto che basterebbe un tratto di penna: che gli orsi siano comodamente radiocollarati, per monitorarli, portati in montagna e controllati, in modo che non arrechino danni agli agricoltori e non siano un pericolo per le cittadine e i cittadini”.

 

Gli orsi stanno andando in letargo, conclude il ministro “Hanno bisogno di dormire in natura, nel loro habitat, dove non potranno fare del male a nessuno. Dai, Presidente, la Natura te ne sarà grata”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 January - 15:08

Per il deputato forzista viene a crearsi anche una concorrenza sleale con gli altri territori: “Lo trovo assurdo soprattutto per i territori bellunesi confinanti con l’Alto Adige che da sempre vivono questa concorrenza sleale e che adesso avvertono con maggiore forza differenze quanto mai anacronistiche e impossibili da digerire" 

22 January - 12:27

A Stoccolma è nato Cederhus, il progetto che prevede la realizzazione della più grande struttura in legno al mondo. Un progetto che trova sostegno nell’azienda altoatesina Rothoblaas, specializzata nella produzione di viti, piastre, angolari e nastri sigillanti destinati proprio per questo genere di strutture. "Il nostro obiettivo è sostituire gli edifici in cemento con quelli in legno"

24 January - 12:13

Al gestore del bar la sanzione di 400 euro perché ha violato le disposizioni che impongono di non poter ricevere alcun cliente dopo le ore 18 all’interno del locale.  I controlli messi in campo da una task force interforze, voluta dal Questore di Trento, composta da agenti della Polizia di Stato, della Polizia Locale di Trento e della Guardia di Finanza che ha passato al setaccio i locali pubblici della città

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato