Contenuto sponsorizzato

Raffiche di vento, allagamenti, smottamenti e alberi schiantati sulle macchine. Il maltempo colpisce ancora l'Alto Adige

Nella serata di ieri Bolzano e Merano sono stati colpiti ancora una volta dal maltempo. Per oggi la Protezione civile ha emesso un avviso di allerta gialla 

Pubblicato il - 14 agosto 2020 - 10:38

BOLZANO. E' ancora maltempo con allerta gialla per il Trentino Alto Adige. La Protezione Civile ieri ha emesso l’avviso che prevede nel corso della giornata il persistere di precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Lombardia, Veneto e sulla provincia di Trento con rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, grandinate e forti raffiche di vento.

Nelle ultime ore il maltempo ha colpito ancora una volta l'Alto Adige in diverse zone. Violenti temporali accompagnati da forti raffiche di vento si sono abbattuti nei distretti di Merano e Bolzano e i vigili del fuoco hanno effettuato oltre 40 interventi. A Merano, in particolare, la tempesta ha visto raffiche di vento che hanno raggiunto picco di 86 chilometri all'ora.

 

Ci sono stati interventi per liberare strade bloccate da grossi alberi schiantati a terra che,  in alcuni casi , hanno anche danneggiato delle automobili.  Non sono poi mancati allagamenti che hanno interessato cantine e garage.

In val Gardena il torrente Pufler a causa della tanta e forte pioggia si è gonfiato uscendo dagli argini in alcuni punti. Per questo alcune strade sono state chiuse. Sono stati interdetti anche alcuni sentieri escursionistici per il pericolo di caduta massi.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato