Contenuto sponsorizzato

Torna la neve in quota: previsti tra i 30 e i 60 centimetri. Possibile vento forte e aumenta il pericolo valanghe

La Provincia ha diramato un messaggio mirato per un ulteriore peggioramento del meteo previsto da domani, lunedì 2 marzo, e fino a martedì prossimo con precipitazioni intense e abbondanti su tutto il territorio provinciale

Pubblicato il - 01 marzo 2020 - 17:31

TRENTO. La Provincia ha diramato un messaggio mirato per un ulteriore peggioramento del meteo previsto da domani, lunedì 2 marzo, e fino a martedì prossimo con precipitazioni intense e abbondanti su tutto il territorio provinciale.

 

Il mese di marzo è arrivato (Qui foto) portando alcuni giorni di importanti precipitazioni dopo molte settimane di bel tempo e temperature superiori alle medie del periodo (Qui articolo).

 

Dopo il maltempo di oggi, domenica 1 marzo, dalla tarda mattinata di domani alle prime ore di martedì si prevedono precipitazioni intense e abbondanti in buone porzioni del Trentino.

 

La quota neve è attesa mediamente attorno ai 900 metri e localmente anche a quote inferiori durante le fasi più intense. 

 

Oltre i mille metri si prevedono mediamente 30-50 centimetri di neve fresca, che potranno localmente anche superare i 60 centimetri sopra i 1.400 e i 1.500 metri di quota.

 

Le precipitazioni si esauriranno nella giornata di martedì con contestuale rinforzo dei venti da nord che produrranno forti raffiche di foehn nei fondovalle.

 

E' necessario prestare maggiore attenzione al pericolo valanghe sulle montagne. Con il vento si possono, infatti, formare ulteriori accumuli di neve in parte instabili. 

 

Si possono generare distacchi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali a tutte le esposizioni e soprattutto nelle zone marginali.

 

Le valanghe sono in particolare di dimensioni medie, ma nelle aree con tanta neve i punti pericolosi sono più frequenti e il pericolo superiore. I punti pericolosi sono in parte innevati e con il cattivo tempo appena individuabili.

 

Le valanghe possono anche coinvolgere gli strati più profondi e raggiungere dimensioni pericolosamente grandi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:51

La nuova ordinanza è valida fino al 31 gennaio 2021. Nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico c'è il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 22 alle 5. Stabilito anche divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo

21 ottobre - 12:32

Mentre le regioni e le province autonome stanno decidendo nuove misure per frenare il contagio, il governo pensa a limitazioni che uniformino tutto il Paese. Si va verso la chiusura degli spostamenti fra i territori regionali e il coprifuoco per impedire gli assembramenti notturni

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato