Contenuto sponsorizzato

Tragedia nel lago di Caldonazzo, è morto il 36enne non riemerso dopo un tuffo

L'uomo è morto nella notte, il dramma era avvenuto ieri quando il 36enne si era tuffato da un pedalò senza più riemergere. Trasportato all'ospedale Santa Chiara in condizioni disperate è morte nel corso della notte  

Pubblicato il - 06 luglio 2020 - 10:03

TRENTO. Non ce l'ha fatta l'uomo di 36 anni che ieri dopo un tuffo nel lago di Caldonazzo non era più riemerso (QUI L'ARTICOLO). Trasportato in condizioni disperate all'ospedale Santa Chiara di Trento nel corso della notte purtroppo è deceduto.

 

La tragedia è avvenuta attorno alle 18.30. Secondo una prima ricostruzione il giovane, assieme a un gruppo di amici, aveva noleggiato un pedalò. A molta distanza dalla riva il 36enne ad un certo punto aveva deciso di fare un tuffo ma toccata l'acqua ha perso i sensi ed è andato a fondo scomparendo per diversi minuti.

 

Immediatamente sono stati allertati i soccorsi che hanno subito avviato le ricerche. Sono intervenuti i vigili del fuoco di Calceranica i bagnini di spiagge sicure e sul posto anche l'elisoccorso.

 

Le operazioni di ricerca in acqua si sono protratte per svariati minuti, minuti lunghissimi e importantissimi in queste situazioni, e nel frattempo da Mattarello sono stati fatti decollare anche i sub del Nucleo sommozzatori che però non sono arrivati in tempo.

 

Il giovane è stato rinvenuto a diversi metri sott'acqua ed è stato poi subito trasportato in condizioni disperate con l'elicottero al Santa Chiara dove, purtroppo, questa notte è morto. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
20 settembre - 20:29

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.318 i guariti da inizio emergenza e 568 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, domenica 20 settembre, si specifica che 20 sono sintomatici, compreso 1 minorenne, e 8 casi sono ascrivibili ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

20 settembre - 19:41

I dati, aggiornati alle 19 di oggi, domenica 20 settembre, sembrano abbastanza in linea con le precedenti elezioni amministrative del 2015 (il dato alle 17 era al 39,89%)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato