Contenuto sponsorizzato

Trovato un cranio nel bosco, si riapre il caso della bambina scomparsa

Il ritrovamento fatto da un cacciatore, la bambina Iuschra Gazi era scomparsa nel 2018 durante una gita e non si sono avute più sue notizie. Il macabro ritrovamento è avvenuto nelle scorse ore e sarà disposto l'esame del Dna

Pubblicato il - 05 ottobre 2020 - 09:53

BRESCIA. Sembra riaprirsi il caso della piccola Iuschra, la 12enne affetta da autismo che nel 2018 è scomparsa durante una gita che stava facendo con altri 14 coetanei. (Qui l'articolo)

 

La giovane si trovava sull’altopiano di Cariadeghe, nella zona di Serle, in Valsabbia, il 19 luglio del 2018. Da quel momento non ci sono avute più sue notizie.

 

Quest'oggi, però, si è tornati a parlare del suo caso dopo l'annuncio del ritrovamento, da parte di un cacciatore, tra i boschi di Caino e Serle, di un cranio umano e di piccole dimensioni.  Immediatamente l'uomo che l'ha ritrovato ha avvisato i carabinieri ed è stato poi disposto l'esame del Dna. Nei prossimi giorni sono attesi i risultati.

 

Nel 2018 Iuschra faceva parte di un gruppo che era affidato agli operatori della Fobap (Fondazione bresciana assistenza psicodisabili) composto da sette operatori, sei volontari e da 14 minorenni disabili. Vestita con una maglia gialla a fiori e dei pantaloni neri è svanita dopo una curva lungo uno dei sentieri nel bosco di Serle.

 

Il timore, fin dal primo momento, era stato che la bambina fosse caduta in una delle tante doline, dei buchi nel terreno molto profonde.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

21 gennaio - 11:47

Nell'ultimo bollettino dell'Azienda sanitaria altoatesina, emergono 566 nuovi positivi e 7 decessi. Il bilancio delle vittime in questa seconda fase si attesta così a 537 morti. Crescono i dati dei ricoveri in area medica, dell'indice contagi/tamponi e degli isolamenti domiciliari

21 gennaio - 10:21

Il gelicidio sarebbe all'origine dell'incidente avvenuto attorno alle 6.35 all'imbocco della galleria dei Crozi, lungo la statale 47 della Valsugana. Sono 11 i mezzi coinvolti, tra cui un camion e un furgone, toccatisi dopo essere scivolati sul manto ghiacciato. 3 le persone ferite portate all'ospedale per accertamenti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato