Contenuto sponsorizzato

Allarme per una valanga in Val Travenanzes: ci sarebbe anche una persona coinvolta

La valanga si è staccata intorno alle 13, sul posto si sono precipitate le unità cinofile e il soccorso alpino, un elicottero sta sorvolando la zona. Si pensa che una persona sia rimasta coinvolta

Pubblicato il - 09 gennaio 2021 - 13:32

CORTINA D’AMPEZZO (Belluno). L’allarme è scattato poco dopo le 11 di oggi, 9 gennaio, quando alcuni testimoni hanno assistito al distacco di una valanga. Come conferma il soccorso alpino veneto la valanga è avvenuta nella zona della Val Travenanzes nel territorio del Comune di Cortina d’Ampezzo.

 

Una volta ricevuta la richiesta d’aiuto i soccorsi si sono attivati immediatamente, stando alle prime informazioni ci sarebbe anche una persona coinvolta. I soccorritori sono già arrivati sul posto e si stanno attivando per individuare la persona dispersa.

 

L’elicottero del Suem sta sorvolando la zona mentre le unità cinofile e il personale del soccorso alpino stanno battendo il terreno circostante. Non è ancora chiara l’origine della slavina anche se sul posto era presente almeno un gruppo di sciatori che forse potranno fornire maggiori dettagli.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato