Contenuto sponsorizzato

Allerta neve, divieti per i mezzi pesanti in Val di Non e Valsugana e disagi per i treni. A Belluno chiuso il drive in tamponi a Trento attesi 20 centimetri in città

La Provincia ha diramato una serie di chiusure strade per i mezzi pesanti (ecco quali sono) per domani e la Valsugana sarà vietata in direzione nord per autocarri, autotreni ed autoarticolati con peso superiore alle 7,5 tonnellate, al confine tra le province di Vicenza e Trento

Di L.P. - 07 dicembre 2021 - 18:29

TRENTO. Allerta neve con precipitazioni attese anche copiose nei fondovalle (QUI APPROFONDIMENTOe divieto di circolazione per i mezzi pesanti domani, 8 dicembre, a partire dalle 9 del mattino. Lo ha previsto la Provincia con limitazioni al traffico in Val di Non e Valsugana.

 

Nel dettaglio la statale 43 della Valle di Non nel tratto compreso tra lo svincolo per il raccordo con la provinciale 13 e lo svincolo per il raccordo con la provinciale 73, nei comuni di Predaia e Denno; la ex strada statale 43 della val di Non, nel tratto compreso tra l’innesto sulla statale 43 e l’intersezione con la provinciale 73 in località Moncovo, nei comuni di Ton e Predaia; la strada provinciale destra Anaunia, nel tratto compreso tra lo svincolo per il raccordo con la statale 43 e l’intersezione con la provinciale 67 nell’abitato di Cunevo, nei comuni di Denno e Contà.

 

Sono ovviamente esclusi dal divieto i mezzi di soccorso ed i mezzi addetti alla manutenzione delle strade. Sulla strada statale 47 della Valsugana è previsto dalle ore 20 di mercoledì 8 alle ore 12 di giovedì 9 dicembre il divieto di transito in direzione nord di autocarri, autotreni ed autoarticolati con peso superiore alle 7,5 tonnellate, al confine tra le province di Vicenza e Trento.

 

Le nevicate sono attese sia in Alto Adige che in Trentino che in tutta l'area del Bellunese e allora l'Ulss1Dolomiti annuncia che in relazione all’allerta meteo con precipitazioni copiose e forte vento previsti per domani pomeriggio, per garantire la sicurezza degli operatori e degli utenti, saranno chiusi i drive in tamponi pomeridiani di Paludi e dell’ospedale di Belluno – san Gervasio. Di conseguenza le prenotazioni per tamponi a finalità green pass saranno annullate.

 

A Trento la macchina comunale che scatta in caso di nevicata in città e nei sobborghi è già in pre-allerta. Soprattutto domani pomeriggio infatti è previsto che la perturbazione scarichi la prima neve anche sulle strade cittadine. Il meteo ipotizza una ventina di centimetri in città e qualcosa di più nei sobborghi collinari. Intanto già oggi sono stati avvisati tutti gli uomini e i mezzi che il Comune mette solitamente in campo per arginare i disagi dovuti alla neve, il cosiddetto “piano neve”, che saranno operativi già dalla mattinata di domani.

Si tratta di 78 mezzi dotati di lame, 39 mezzi spargisale, 45 di cosiddette “mini-pale” per la pulizia dei marciapiedi più 6 mezzi sul Bondone per la salatura e lo sgombero. Sono state preallertate inoltre 5 cooperative per un totale di circa 30 spalatori che verranno impiegati in caso di necessità.

 

In base al bollettino meteo diramato dalla Protezione Civile, Rete Ferroviaria Italiana ha attivato per la giornata di domani, mercoledì 8 dicembre, la fase di emergenza “gialla” prevista dal Piano neve e gelo su alcune linee della Lombardia, del Piemonte e regioni limitrofe.

 

L’offerta ferroviaria è confermata con alcune riduzioni sulle linee dove sono previste nevicate più abbondanti, in particolare saranno interessati i treni regionali delle linee:

 

•          Voghera – Alessandria

•          Milano – Arona – Domodossola

•          Alessandria - Arquata

•          Piacenza – Voghera

•          Pavia – Codogno

•          Milano – Varese – Porto Ceresio

•          Lecco – Bergamo

•          Colico – Chiavenna

•          S7 Monza – Molteno – Lecco

•          Lecco – Sondrio – Tirano

•          S13 Pavia – Milano Bovisa

•          Bergamo – Brescia

•          Vercelli – Pavia

•          Alessandria – Pavia

•          Calalzo – Belluno

•          Conegliano – Belluno

•          Ala – Brennero

•          Fortezza – San Candido

 

L’elenco aggiornato dei treni cancellati è disponibile sui siti web delle imprese ferroviarie interessate.

 

RFI ha già predisposto il monitoraggio costante e il presidio preventivo dell’infrastruttura ferroviaria, per assicurarne l’efficienza e garantire la circolazione dei treni programmati, già ridotti essendo un giorno festivo; in particolare nelle regioni dove sono previste nevicate: Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna.

 

Per far fronte in maniera tempestiva a eventuali criticità provocate dal maltempo saranno attivi i Centri operativi territoriali nelle regioni interessate. Sono inoltre previsti presidi tecnici degli impianti nevralgici, con particolare attenzione ai nodi urbani ferroviari, corse raschia-ghiaccio sulle principali direttrici, per mantenere in efficienza i sistemi di alimentazione elettrica dei treni. È stato allertato il personale delle ditte appaltatrici per garantire la piena operatività dei marciapiedi e degli spazi di stazione aperti al pubblico.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 gennaio - 20:33
Trovati 2.740 positivi, 2 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 3.591 guarigioni. Sono 170 i pazienti in ospedale. Tutti i Comuni sul territorio [...]
Cronaca
25 gennaio - 21:30
Il sindaco di Trento Ianeselli ha risposto alla manifestazione No Tav, organizzata domenica 23 gennaio in via della Spalliera e in via Missioni [...]
Politica
25 gennaio - 21:09
Il neo eletto presidente Gabriel Boric ha nominato la scorsa settimana i 24 componenti del nuovo governo, di cui 14 saranno donne. Da quest’anno [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato