Contenuto sponsorizzato

Anagrafe antifascista, a Trento, Rovereto e Pergine mozione comune di Europa Verde e Sinistra Italiana contro il clima d'odio

Fernandez: ''Il fascismo oggi si presenta sotto diverse spoglie, a volte sembrano addirittura innocenti. Il nostro dovere è di smascherare ognuna delle sue nuove forme”

Sacrario Sant'Anna di Stazzema
Sacrario Sant'Anna di Stazzema
Di GF - 26 March 2021 - 18:41

TRENTO. Non bisogna abbassare la guardia di fronte al fatto che stiamo assistendo alla crescita di un clima d’odio, dove si fanno largo sentimenti generalizzati di sfiducia, insofferenza e rabbia, che rischiano di tradursi in atteggiamenti e azioni di intolleranza, discriminazione e violenza verbale. Da qui parte l'iniziativa che sarà presentata a Trento, Rovereto, Pergine e successivamente Mori per l'iscrizione delle città all'Anagrafe nazionale antifascista.

 

Proprio in queste ore, infatti, le consigliere e i consiglieri delle liste comunali di Europa Verde, eletti nei tre comuni più popolosi del Trentino, con un’azione congiunta con Sinistra Italiana del Trentino, depositeranno nei rispettivi consigli una mozione per l'adesione all'Anagrafe antifascista.

 

E' un'importante azione simbolica e riguarda tutti coloro che si riconoscono in una serie di principi enunciati sulla "Carta di Stazzema".

 

“Da tempo volevamo portare avanti questa iniziativa – spiega Ruggero Pozzer di Rovereto – e siamo riusciti a condividerla tra più città. E' una necessità, rifiutiamo una certa cultura dell'odio e davanti alla mancanza dell'accettazione dell'altro”. Temi, questi, spiega Pozzer, “che possono trovare un'ampia condivisione”

 

Con questa adesione si mette nero su bianco la volontà di una città di essere contraria a simboli, parole, atteggiamenti, gesti ed ideologie che dovrebbero appartenere al passato e sempre più, invece, si stanno nuovamente affacciando nella nostra realtà. Questa sta avendo in rete e sui social, nelle dichiarazioni politiche e nelle strade.

 

Per questo l'adesione è un segnale forte e istituzionale all’iniziativa del Comune di Stazzema, sede del Parco Nazionale della pace di Sant’Anna di Stazzema, luogo martire della violenza nazifascista. “A difesa dei valori della nostra Costituzione – spiegano i rappresentanti di Europa Verde e Sinistra Italiana del Trentino - insieme a tutte e tutti coloro che si sentono impegnati a tutelare la libertà, la democrazia, la legalità e contro il diffondersi di episodi di intolleranza”.

 

Libertà e liberazione, ha spiegato anche il consigliere comunale di Trento di Europa Verde, Andreas Fernandez “Sono un compito che non deve mai fermarsi. Ed Europa Verde lo sa molto bene. Il fascismo oggi si presenta sotto diverse spoglie, a volte sembrano addirittura innocenti. Il nostro dovere è di smascherare ognuna delle sue nuove forme. Prendiamo il machismo, ad esempio, che implica il disprezzo per le donne - purtroppo ne abbiamo avuto esempio qualche giorno fa da un noto esponente politico Trentino - o la condanna di orientamenti sessuali ritenuti non conformisti, dagli intolleranti stessi: questa è una forma di fascismo. Lo spiegava bene Umberto Eco quando parlava di 'fascismo eterno'. Il fatto che i 3 comuni più grandi del Trentino lancino un segnale di questo tipo è importante" ha concluso.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 maggio - 19:13
Il bilancio del comune dopo i grande evento di venerdì sera. Per tutti è stato chiaro che è andato davvero tutto bene perché si è trattato di [...]
Politica
23 maggio - 16:30
L’esponente di Fratelli d’Italia è intervenuta sulle “pesanti ingiurie da parte dello staff della sicurezza” dicendosi “profondamente [...]
Cronaca
23 maggio - 17:44
Secondo una prima ricostruzione l’uomo alla guida di un’Alfa che stava procedendo in direzione sud, verso Rovereto, non si è fermato a un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato