Contenuto sponsorizzato

Chico Forti, burocrazia e pandemia rallentano il suo rientro. Lo zio Gianni: ''Abbiamo atteso anni, un mese in più non cambia''

Sul rientro in Italia lo zio Gianni Forti spiega: "Chico è in carcere da oltre 20 anni e una condanna simile come quella che ha avuto lui non c'è in Italia. E' una situazione abbastanza fumosa”

Di G.Fin - 28 gennaio 2021 - 09:58

TRENTO. “Per adesso non ci sono novità, ora è una questione più che altro di carte bollate, abbiamo atteso anni e bisogna avere pazienza” lo zio di Chico Forti, Gianni, ha la voce ferma quando parla del ritorno di Chico ma si sente comunque tutto il suo entusiasmo e l'attesa

 

Poco prima di Natale era arrivata la notizia che in molti attendevano. La fine di una battaglia portata avanti avanti da 21 anni. Chico Forti grazie ai benefici previsti dalla Convenzione di Strasburgo, può fare rientro in Italia e riabbracciare i propri cari. Una notizia che lo zio, Gianni Forti, aveva appreso dal ministro Di Maio e per la quale non aveva trattenuto le lacrime. (QUI L'ARTICOLO)

 

Oggi che è passato poco più di un mese le varie procedure burocratiche stanno andando avanti. “L'ultima volta che ho sentito Chico è stato attorno a Natale – spiega a il Dolomiti Gianni Forti – l'operazione comunque per il 90% è fatta dopo la firma del governatore ora dobbiamo attendere tutto l'iter burocratico e i rallentamenti che ci sono a causa di questa pandemia. Abbiamo aspettato tanti anni ora possiamo attendere un mese in più”.

 

L'obiettivo è che a breve si possa arrivare alla fine della trafila di carte che devono essere firmate e le procedure completate. Al momento non si ha alcuna informazione certa su quello che accadrà a Chico Forti quando arriverà in Italia. Non sarà un cittadino libero al suo arrivo ma secondo quando riferito dallo zio potrebbe diventarlo poi. “ Chico è in carcere da oltre 20 anni e una condanna simile come quella che ha avuto lui non c'è in Italia. E' una situazione abbastanza fumosa

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato