Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, 552 nuovi positivi e 3 decessi in Alto Adige. Calano i ricoveri ma aumentano le persone in isolamento

Nel bollettino sulla situazione Coronavirus in Alto Adige si registrano 552 nuovi positivi e 3 decessi. Rispetto alla giornata di venerdì cala lievemente l'indice contagi/tamponi così come il numero di ricoveri nei normali reparti. Si attende la decisione di Bolzano sulla conferma della classificazione "rossa" decisa da Roma

Di Davide Leveghi - 23 gennaio 2021 - 11:58

BOLZANO. Nella giornata in cui arriva la conferma da parte del Comitato tecnico-scientifico della collocazione della provincia di Bolzano in zona rossa – s'attende l'accoglimento della decisione da parte della giunta provinciale, che la settimana scorsa aveva deciso di confermare le misure da zona gialla nonostante Roma – i dati del contagio segnano un calo in molte voci, specie in ambito ospedaliero.

 

Il numero di nuovi positivi, nondimeno, supera quello di ieri, venerdì 22 gennaio, attestandosi a 552, di cui 247 individuati con i tamponi molecolari (2418) e 305 con i test antigenici rapidi (5554) – nel fine settimana si terranno le operazioni di screening nei Comuni di Moso in Passiria, San Leonardo in Passiria e San Genesio. Il tasso contagi/tamponi cala rispetto alla giornata precedente, attestandosi invece al 6,92%.

 

Da inizio pandemia il numero delle persone testate positive al test pcr è di 34.108. Con i 3 decessi registrati nelle ultime 24 ore, il bilancio sale invece a 837 vittime da marzo e 543 da settembre.

 

Sul fronte ospedali, come detto, s'allenta la pressione sui normali reparti. Qui i pazienti Covid calano rispetto alla giornata di venerdì attestandosi a 219. Stabili invece i numeri per quanto riguarda i ricoverati nelle strutture private convenzionate (160) e nei reparti di terapia intensiva (24).

 

Per quanto riguarda gli isolamenti si registrano invece dei numeri in crescita. Sono 20 le persone ospitate nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes, mentre quelle in isolamento domiciliare aumentano, attestandosi a 11.996.

 

I numeri in breve:

Test PCR:

Tamponi effettuati ieri (22 gennaio): 2.418

Nuovi casi testati positivi da PCR: 247

Numero delle persone testate positive da PCR al coronavirus: 34.108

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 406.253

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 174.483 (+750)

 

Test antigenici:

Test antigenici eseguiti ieri: 5.554

Numero delle persone testate positive dai test antigenici: 305

 

Altri dati:

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri219

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate: 160

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes: 20 (20 a Colle Isarco e 0 a Sarnes)

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva24

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 837 (+3)

Persone in isolamento domiciliare11.996

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 79.054

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 91.050

Persone guarite da PCR 21.966 (+204). A queste si aggiungono 1.586 (+3) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test; inoltre persone guarite per indagine epidemiologica: 8.312 (+54).

Collaboratori/collaboratrici dell'Azienda sanitaria positivi al test: 1.437, di questi 1.064 guariti. Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta: 41, di questi 29 guariti (al 02.01.2021)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 5 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 marzo - 20:24

Sono 227 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

05 marzo - 19:50

E' emerso un focolaio allo studentato, 8 ragazzi a San Bartolameo sono risultati positivi e sono in corso in particolare le verifiche su un’altra quarantina di persone. Non si esclude che la diffusione di Covid sia riconducibile a una variante

05 marzo - 18:56

Ha frequentato una scuola di moda e dopo un periodo di gavetta, la 25enne è rimasta senza occupazione a causa della crisi innescata dall'emergenza Covid-19 ma non si è persa d'animo. Cecilia Bianchi: "Lavoravo in un negozio di tendaggi ma vista la situazione difficile mi sono ritrovata a casa. A quel punto ho iniziato a riflettere sul mio futuro con maggiore forza e ho deciso di rimettermi in gioco con energia con una mia attività"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato