Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, 7 positivi a Lavis e Mezzocorona. Ecco i 55 Comuni del contagio e dove sono avvenuti i 10 decessi

Sono 401 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 39 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Il bilancio è di 547 decessi in questa seconda ondata di Covid

Di Luca Andreazza - 01 gennaio 2021 - 19:25

TRENTO. Ci sono 22.655 casi e 1.017 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus da inizio epidemia, sono 19.671 i guariti da inizio emergenza e 1.967 gli attuali positivi al tampone molecolare. Sono stati, purtroppo, comunicati 10 decessi di cui 8 in ospedale. Le morti sono state attribuite ai Comuni di Trento (4 vittime), Arco, Storo, Pinzolo, Folgaria e Romeno. Il bilancio è di 547 decessi in questa seconda ondata di Covid.

 

Sono 401 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 39 pazienti sono in terapia intensiva 50 in alta intensità. Sono 193 i positivi comunicati a Ministero e Protezione civile pubblicati nelle tabelle: 147 nuovi positivi e 46 molecolari già antigenici. Sono stati trovati invece 528 casi tra i 147 nuovi positivi al molecolare e 381 contagiati risultati dai test antigenici (Qui articolo).

 

C'è preoccupazione per il significativo numero di contagi tra gli over 70 (Qui articolo), mentre si è fatto il punto anche sulla campagna di vaccinazione contro Covid-19 (Qui articolo).

 

Nel dettaglio i risultati dei tamponi molecolari. A Trento sono stati trovati 31 contagi che si porta a 478 attuali positivi, 24 positività a Rovereto (176 attuali positivi) e 14 casi a Pergine (79 attuali positivi). 

 

Ci sono 8 infezioni a Riva del Garda (67 attuali positivi); 7 positivi a Lavis (35 attuali positivi) e Mezzocorona (32 attuali positivi), 5 contagi a Arco (63 attuali positivi) e Primiero San Martino di Castrozza (21 attuali positivi).

 

Poi 4 casi a Cles (27 attuali positivi), Baselga di Pinè (7 attuali positivi), Ledro (33 attuali positivi), Terre d'Adige (10 attuali positivi) e Villa Lagarina (14 attuali positivi); quindi 3 positività a Predazzo (8 attuali positivi), Tione (11 attuali positivi), San Michele all'Adige (7 attuali positivi), Ville di Fiemme (10 attuali positivi) e Spiazzo (4 attuali positivi).

 

Ci sono 2 contagi a Storo (8 attuali positivi), Mori (53 attuali positivi), Borgo Valsugana (44 attuali positivi), Ala (26 attuali positivi), Novella (7 attuali positivi), Albiano (12 attuali positivi), Roverè della Luna (6 attuali positivi), Borgo Lares (6 attuali positivi), Trambileno (5 attuali positivi) e Molveno (3 attuali positivi).

 

E ancora 1 positivo a Levico (39 attuali positivi), Predaia (15 attuali positivi), Dro (20 attuali positivi), Ville d'Anaunia (10 attuali positivi), Altopiano della Vigolana (12 attuali positivi), Tesero (5 attuali positivi), Brentonico (9 attuali positivi), Cembra Lisignago (7 attuali positivi), Pieve di Bono-Prezzo (10 attuali positivi), Caldonazzo (8 attuali positivi), Malè (5 attuali positivi), Cavedine (5 attuali positivi), Giovo (6 attuali positivi), Grigno (6 attuali positivi), Avio (13 attuali positivi), Volano (5 attuali positivi), Pomarolo (5 attuali positivi), Campodenno (5 attuali positivi), Segonzano (6 attuali positivi), Calceranica (6 attuali positivi), Dimaro Folgarida (6 attuali positivi), Novaledo (5 attuali positivi), Strembo (4 attuali positivi), Bieno (7 attuali positivi), Castelnuovo (2 attuali positivi) e Ronzo-Chienis (9 attuali positivi).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato