Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Trentino e Alto Adige a rischio “moderato” secondo l'Iss: ecco i dati del monitoraggio settimanale

Mentre l'incidenza settimanale è in diminuzione a livello nazionale (da 37 a 34 casi per 100mila abitanti) sono quattro le Regioni e Province autonome che risultano classificate dalla Cabina di regia dell'Istituto superiore di sanità a rischio “moderato”, tra queste anche il Trentino e l'Alto Adige

Di F.S. - 08 October 2021 - 11:28

TRENTO. Coronavirus: in Italia sono ancora in diminuzione sia l'incidenza che l'Rt, ma in Trentino e in Alto Adige si alza il livello di rischio da “basso” a “moderato”. A specificarlo la Cabina di regia dell'Istituto superiore di sanità nel riportare i dati principali del monitoraggio settimanale. Per la Provincia di Trento e la Basilicata, dice l'Ansa, è stata segnalata anche un'allerta di resilienza.

 

Insieme a Trento e Bolzano, anche Basilicata e Val d'Aosta sono state classificate a rischio “moderato” mentre nel resto d'Italia il livello rimane “basso”. A livello nazionale l'incidenza settimanale risulta ancora in calo, da 37 casi ogni 100mila abitanti a 34. Trovandosi al di sotto della soglia dei 50 casi ogni 100mila abitanti, specifica l'Iss, è possibile il controllo della trasmissione basato sull'identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti.

 

Nel periodo 15-28 settembre l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,83 (range 0,81-0,86), al di sotto della soglia epidemica e stabile rispetto alla settimana precedente. Stabile rimane anche l'indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt pari a 0,80). Migliora la situazione anche a livello ospedaliero con il tasso di occupazione in terapia intensiva in lieve diminuzione al 4,2% mentre l'occupazione in aree mediche scende al 4,9%.

 

In diminuzione il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (5.903 vs 7.070 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in lieve diminuzione (33% vs 34% la scorsa settimana). È in aumento la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (47% vs 45%). Resta stabile la percentuale di casi diagnosticata attraverso attività di screening (21% vs 21%).

 

“Una più elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione – conclude l'Istituto superiore di sanità – rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
20 ottobre - 09:31
Secondo Confesercenti gli studenti che escono dalle scuole alberghiere con un buon grado di formazione sono pochi e spesso manca la voglia di fare [...]
Società
20 ottobre - 11:13
Da Instagram a Facebook fino a TikTok: i maggiori social del pianeta 'censurano' le opere di nudo e i musei della capitale austriaca hanno deciso [...]
Cronaca
20 ottobre - 11:22
Il poliziotto penitenziario aggredito è stato accompagnato al pronto soccorso dell'ospedale Santa Chiara di Trento con diversi traumi. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato