Contenuto sponsorizzato

Covid, con la variante Delta tornano i lockdown: in Israele mascherine obbligatorie, Sidney in “quarantena” e nel Regno Unito è la mutazione più diffusa

Stati Uniti, Russia, Sudafrica e Regno Unito la variante Delta fa crescere la curva dei contagi. In Israele per contrastare la diffusione della mutazione tornano alcune restrizioni. Speranza: “Servono ancora cautela e prudenza, soprattutto alla luce delle nuove varianti, la battaglia non è ancora vinta”

Di T.G. - 27 giugno 2021 - 12:14

TRENTO. La variante Delta torna a preoccupare l’Europa, e non solo, sul fronte del coronavirus. Come spiega il Ministero della Salute infatti, si tratta di una mutazione che porta con sé un potenziale maggiore di trasmissibilità e il possibile rischio di reinfezione anche in chi ha già contratto la malattia o non ha completato il ciclo vaccinale (anche se in questi casi l’infezione difficilmente diventa pericolosa).

 

Attualmente la variante Delta (in principio identificata prevalentemente in India) è la mutazione più diffusa nel Regno Unito dove, non a caso, nelle ultime settimane la curva dei contagi è tornata a salire. Anche grazie all’avanzamento della campagna vaccinale a Londra il numero di ricoveri e quello dei decessi rimane contenuto.

 

Con l’ordinanza dei giorni scorsi tutta l’Italia entrerà in zona bianca ma, come afferma il ministro della Salute Roberto Speranza se questo è un risultato incoraggiante “servono ancora cautela e prudenza, soprattutto alla luce delle nuove varianti – perché – la battaglia non è ancora vinta”. Come spiegava a Il Dolomiti il direttore del reparto di Microbiologia e di Virologia dell’università di Padova, Andrea Crisanti, per contrastare la variante “bisogna seguire la strada percorsa dall’Australia. Ogni volta che si identifica la variante Delta vengono messe delle misure di restrizione perlomeno nelle zone dove ci sono dei cluster. Altrimenti ad agosto sarà la variante prevalente”.

 

Per l’appunto la città di Sidney, in Australia, è stata costretta a far entrare in vigore un nuovo lockdown dopo la comparsa di alcuni casi legati alla variante Delta. L’Australia è anche uno dei Paesi dove si sta vaccinando poco, meno del 5% della popolazione è immunizzato.

 

La variante Delta sta facendo salire i contagi anche negli Stati Uniti (in particolare negli Stati dove la campagna vaccinale non procede speditamente), Russia e Sudafrica dove la mutazione si è aggiunta a quella “Sudafricana” facendo crescere i nuovi positivi in maniera esponenziale.

 

Anche in Israele, uno dei Paesi dove la campagna vaccinale è nello stadio più avanzato (circa il 60% della popolazione ha ricevuto entrambe le dosi) la curva dei contagi è tornata a salire. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità nell’ultima settimana si sono registrati 799 contagi, mentre negli ultimi quattordici giorni erano stati solo 975. Il governo israeliano è quindi dovuto correre ai ripari adottando delle nuove restrizioni nel tentativo di ridurre i contagi. Per esempio nei luoghi al chiuso è stato reintrodotto l’obbligo di indossare la mascherina, mentre il suo utilizzo viene comunque raccomandato anche all’aperto durante i raduni pubblici.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 30 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
30 novembre - 20:00
Trovati 199 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 104 guarigioni. Sono 52 i pazienti in ospedale. Sono 840.024 le dosi [...]
Cronaca
30 novembre - 19:39
Il successo dell'opera realizzata dallo scultore veneto a Lavarone è enorme ma dal 2018, quando la tempesta si è abbattuta su Veneto e Trentino [...]
Politica
30 novembre - 21:00
I contratti del pubblico impiego sono bloccati e se i consiglieri regionali sono reduci dall'adeguamento dell'indennità, adesso sembra arrivato il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato