Contenuto sponsorizzato

Famiglie in situazioni di bisogno e persone in difficoltà, in Trentino nasce una piattaforma online per offrire aiuti e competenze

L'iniziativa lanciata da Trentinosolidale Odv (capofila), Caritas Diocesana di Trento, Cooperativa sociale CS4, Associazione Rotte Inverse APS e un gruppo di cittadini attivi. Consentirà di offrire beni ma anche competenze a chi si trova in difficoltà

Pubblicato il - 02 June 2021 - 12:34

TRENTO. Non buttare via nulla ma dare ad ogni cosa una seconda vita. Questo l'obiettivo di donotrentino.it, la nuova piattaforma provinciale online, in cui offrire beni e competenze che andranno a beneficio di persone e famiglie in situazioni di bisogno. 

A promuovere l’iniziativa, una rete aperta di organizzazioni del volontariato e dell’assistenza: Trentinosolidale ODV (capofila), Caritas Diocesana di Trento, Cooperativa sociale CS4, Associazione Rotte Inverse APS e un gruppo di cittadini attivi.

“I nostri obiettivi – ha spiegato il presidente del Centro Servizi Volontariato, Giorgio Casagranda – sono la sostenibilità ambientale e sociale, la solidarietà di prossimità verso chi ha bisogno, la lotta allo spreco e l’orientamento al riuso. Vogliamo sostenere la generosità solidale delle persone, far conoscere le tante buone pratiche già in essere a livello locale e creare le sinergie necessarie per estendere e potenziare l’impatto positivo delle diverse iniziative in favore di chi ha bisogno. Fino ad oggi “donotrentino” è il frutto di una positiva sinergia fra soggetti che credono in questi principi ed è anche un contributo concreto alle linee guida per la strategia provinciale di sviluppo sostenibile. Da oggi, è un bene comune che affidiamo alla Comunità trentina”.

 

Chi sceglie di donare beni e tempo avrà a disposizione la piattaforma web www.donotrentino.it  spiega anche la coordinatrice Lara Bustros.  “È un sito di facile uso e totalmente aperto sul versante dell’offerta, che consentirà di offrire beni ma anche competenze. L’assegnazione di quanto offerto a chi ne ha bisogno – spiega - verrà poi curata dagli enti promotori e dai partner che si potranno accreditare.  Chi opera da tempo a diretto contatto con persone e famiglie in difficoltà potrà curare al meglio la consegna mirata di quanto reso disponibile per il dono e ridurre così al minimo l’impegno e i costi di trasporto o smontaggio e rimontaggio.”

 

Tutti gli organizzatori lanciano l’appello per il dono ai cittadini, agli enti e alle imprese. L’invito è rivolto anche alle molte associazioni del volontariato, imprese sociali ed enti di assistenza che operano nelle città e nelle valli della provincia ad accreditarsi per essere protagonisti delle rete al fianco dei promotori.

 

I beneficiari delle donazioni sono persone e famiglie in situazioni di bisogno, in condizioni di marginalità cronica o di difficoltà temporanea derivanti da eventi traumatici, come la perdita del lavoro o di un’attività in proprio, le conseguenze di una separazione, una grave malattia. I cittadini possono donare beni di uso quotidiano, le imprese loro fondi di magazzino o altri beni in eccesso, i professionisti ore per servizi nei settori della salute o dell’abitare, le associazioni culturali possono offrire qualche accesso gratuito a loro corsi, spettacoli, laboratori.

 

Il progetto ha preso avvio grazie al finanziamento erogato con il bando “Intrecci possibili 2020: il Volontariato che Riparte”, promosso dall’Ufficio Svolta, spazio di progettazione sociale creato da Fondazione Trentina per il Volontariato Sociale, Non Profit Network – CSV Trentino e da Fondazione Caritro.

 

Su questo punto, per felicitarsi dell’esito non solo positivo ma anche produttivo del progetto sono intervenute Donatella Turrina Presidente della Fondazione Trentina per il Volontariato Sociale e Mirella Maturo Responsabile dell’Ufficio Svolta.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
27 novembre - 20:26
Trovati 188 positivi, 2 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 112 guarigioni. Sono 44 i pazienti in ospedale. Sono 833.300 le dosi di [...]
Politica
27 novembre - 19:46
Le attiviste hanno ricordato anche la recente aggressione avvenuta in centro, e arrivata dopo un evento che serviva per autofinanziare la [...]
Cronaca
27 novembre - 19:29
Il genoma è stato sequenziato al laboratorio di Microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato