Contenuto sponsorizzato

Femminicidio di Cortesano, la raccolta fondi per aiutare i 4 figli di Deborah Saltori

Alle 20 di mercoledì 24 febbraio a Vigo Meano la piazza sarà illuminata da fiaccole, lanterne e candele che ognuno porterà da casa per ricordare Deborah Saltori

Di Luca Andreazza - 23 febbraio 2021 - 23:46

TRENTO. E' partita la raccolta fondi per aiutare e sostenere i figli di Deborah Saltori, la 42enne uccisa dall'ex marito nella campagna di Cortesano (Qui link della raccolta fondi).

 

"Crediamo che lo sgomento - spiegano gli organizzatori - la rabbia e la commozione che seguono i femminicidi debbano trasformarsi in iniziative concrete a favore delle vittime, anche di quelle 'secondarie' e spesso dimenticate come lo sono i figli, privati in un sol colpo di entrambe le figure genitoriali".

 

Annunciata nelle scorse ore, la comunità si è stretta attorno ai figli della 42enne: sono già stati raccolti in pochissimo tempo oltre 15 mila euro. Un'iniziativa promossa dalla Circoscrizione di Meano e dalle associazioni in collina.  

 

"In questo modo sarà possibile aiutare i ragazzi nell'affrontare le difficoltà di questo momento drammatico. I fondi saranno gestiti dal gruppo Alpini di Vigo Cortesano e sarà garantito il corretto impiego della cifra raccolta, destinata solo ed esclusivamente ai figli di Deborah".

 

Inoltre alle 20 di mercoledì 24 febbraio a Vigo Meano la piazza sarà illuminata da fiaccole, lanterne e candele che ognuno porterà da casa per ricordare Deborah Saltori.

 

La comunità di Meano si stringe per ricordare Deborah Saltori. Il ritrovo è fissato per domani, mercoledì 24 febbraio, in piazza a Vigo Meano illuminata da fiaccole, lanterne e candele che ognuno porterà da casa. Il servizio d'ordine degli Alpini garantirà il rispetto delle distanze e l'osservanza delle disposizioni in vigore per prevenire la diffusione del coronavirus.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 March - 19:50

E' emerso un focolaio allo studentato, 8 ragazzi a San Bartolameo sono risultati positivi e sono in corso in particolare le verifiche su un’altra quarantina di persone. Non si esclude che la diffusione di Covid sia riconducibile a una variante

05 March - 18:56

Ha frequentato una scuola di moda e dopo un periodo di gavetta, la 25enne è rimasta senza occupazione a causa della crisi innescata dall'emergenza Covid-19 ma non si è persa d'animo. Cecilia Bianchi: "Lavoravo in un negozio di tendaggi ma vista la situazione difficile mi sono ritrovata a casa. A quel punto ho iniziato a riflettere sul mio futuro con maggiore forza e ho deciso di rimettermi in gioco con energia con una mia attività"

05 March - 17:58

Il presidente della Provincia conferma che a livello di classificazione non cambia nulla rispetto alla passata settimana nonostante l'Rt sia in crescita e l'incidenza sia tra le più alte d'Italia e sia la terza peggiore per occupazione delle terapie intensive

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato