Contenuto sponsorizzato

Maltempo, ritorna la neve nelle prossime ore. MeteoTrentino: ''Precipitazione diffuse anche a quote basse''

Da Capodanno sono caduti circa 30-35 centimetri di neve nei fondovalle e tra i 60-100 centimetri nelle tratte più in quota. Lungo l’intera rete viaria provinciale sono ancora in corso attività, soprattutto lungo le strade di montagna autocarri e trattori del Servizio gestione strade e delle ditte appaltatrici per completare la pulizia della neve e per i trattamenti antighiaccio dopo l'intesa perturbazione dei giorni scorsi

Pubblicato il - 05 gennaio 2021 - 13:59

TRENTO. Una nuova perturbazione è attesa sul Trentino, si prevede altra neve pronta a scendere sul territorio provinciale, anche a quote più basse.

 

"Oggi nuvolosità in intensificazione - spiega la previsione di MeteoTrentino - con deboli precipitazioni diffuse dalla serata, nevose anche a bassa quota. Temperature massima in contenuto calo. Venti deboli o moderati in quota, dai quadranti orientali; deboli variabili in valle. Domani, mercoledì 6 gennaio, coperto al mattino con deboli precipitazioni diffuse nevose anche a quote basse, in attenuazione dal pomeriggio fino ad esaurirsi in serata quando sono previste schiarite. Temperature in calo, specie le minime, attese in serata. Venti deboli, variabili in valle, dai quadranti occidentali in quota".

 

La perturbazione dovrebbe andare in esaurimento nella giornata di domani, mercoledì 6 gennaio, con il ritorno del bel tempo per giovedì. "Molto soleggiato - dice MeteoTrentino - salvo locale presenza di foschie e nubi basse nelle ore più fredde. Temperature in generale, sensibile, diminuzione. Vento debole variabile in valle, deboli o al più moderati occidentali in montagna".

 

Da Capodanno sono caduti circa 30-35 centimetri di neve nei fondovalle e tra i 60-100 centimetri nelle tratte più in quota. Lungo l’intera rete viaria provinciale sono ancora in corso attività, soprattutto lungo le strade di montagna autocarri e trattori del Servizio gestione strade e delle ditte appaltatrici per completare la pulizia della neve e per i trattamenti antighiaccio. Nelle tratte stradali più in quota sono all’opera anche le frese per gli allargamenti della carreggiata. Riaperta la strada di passo Rolle, quelle del Brocon e di Ponte Pià riapriranno invece entro pochi giorni.

 

Si ricorda che fino al 15 aprile l'obbligo delle dotazioni invernali, pneumatici da neve oppure catene a bordo. Si deve poi presentare particolare attenzione in montagna. A oggi in tutto il Trentino il rischio valanghe è di “Grado 3 - marcato”. L'attenzione deve essere, quindi, molto alta. La neve fresca e la neve ventata sono instabili a tutte le esposizioni e già un singolo escursionista può molto facilmente provocare un distacco, anche di medie dimensioni. Rischi soprattutto sui pendii ripidi anche al di sotto del limite del bosco. I punti pericolosi sono molto diffusi. I rumori di "whum" e la formazione di fessure quando si calpesta la coltre di neve sono possibili segnali di pericolo.

 

Nella mattina di oggi, martedì 5 gennaio, si sono già staccate due valanghe di dimensioni importanti in val di Fiemme (Qui articolo) e val dei Mocheni (Qui articolo). Le operazioni del soccorso alpino sono in corso. 

 

Gli eventi più gravi per quanto riguarda le slavine sono stati registrati nella giornata di domenica scorsa, 3 gennaio. In val di Fassa, una persona è stata travolta e salvata dai compagni, oltre che dalle unità del soccorso alpino (Qui articolo). Tragico invece il bilancio in Alto Adige: Michael Grüner, ex presidente della Cassa centrale Raiffeisen altoatesina, e Monika Gamper sono morti in val Senales (Qui articolo). 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato