Contenuto sponsorizzato

Maturità, Bianchi conferma: "Gli studenti presenteranno un elaborato personale seguito da un orale"

Anche quest'anno niente prove scritte all'esame di maturità. Lo ha confermato il ministro Bianchi in un'intervista dove ha parlato dei prossimi passi riguardo alla scuola. "Per il rilancio si guarderà prima al meridione, mentre per tornare in classe bisogna aspettare i vaccini"

Di M.Sartori - 19 febbraio 2021 - 12:01

ROMA. Confermate le indiscrezioni sulla maturità: gli studenti presenteranno un elaborato personale a cui seguirà un orale. Il ministro dell’Istruzione Bianchi ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera in cui ha parlato dei suoi programmi riguardo alla scuola, partendo dalla maturità fino ad arrivare alle sue idee per il rilancio.

 

L’esame di maturità 2021 partirà a metà giugno e per il secondo anno di fila non prevedrà nessuna delle prove scritte. I ragazzi dovranno preparare un ampio elaborato personale da cui la commissione partirà per interrogare lo studente in tutte le discipline. L’elaborato invece verterà sulle materie d’indirizzo e verrà preparato in accordo con la commissione. Secondo il ministro Bianchi questa modalità permetterà ai ragazzi di “esprimere quanto hanno maturato e compreso nel corso degli anni anche con una visione critica”.

 

L’ammissione invece sarà diversa dall’anno scorso. I ragazzi non verranno ammessi tutti all’esame indiscriminatamente, ma verranno valutati dal consiglio di classe in sede di scrutinio finale.

 

Per quanto riguarda il rilancio della scuola il ministro si dichiara intenzionato a ripartire dal meridione. “Voglio ripartire dal sud, che è la zona più in difficoltà, perché per rilanciare il sistema si parte da chi ha più problemi”.

 

Spinosa la situazione del rientro in classe, cha al momento vede gli studenti italiani frequentare in presenza solo il 50 per cento delle ore. Bianchi vuole concentrarsi sulle vaccinazioni, innanzitutto del personale, sulle quali dice di star lavorando fianco a fianco assieme al ministro Speranza.

 

Infine si è parlato anche del calendario scolastico e dell’ipotesi di rimanere in aula fino a giugno. Per il neo ministro dell’istruzione questa è una questione da discutere in primis con le regioni per “garantire una decisione che rispetti i diritti e la vita delle persone”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 6 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
06 dicembre - 19:58
Trovati 73 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 79 guarigioni. Sono 73 i pazienti in ospedale. Sono 892.851 le dosi di [...]
Società
06 dicembre - 19:02
La città di Belluno dedica una piazza in memoria di Angelina Zampieri, vittima di femminicidio nel 1913. La ragazza, che si era trasferita a Povo [...]
Cronaca
06 dicembre - 20:45
Nell'aggiornamento delle autorità sanitarie risultano effettuate 36.514 vaccinazioni con prenotazione, oltre a 7.531 somministrazioni a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato