Contenuto sponsorizzato

Trappole e reti per imprigionare gli animali, scovato un bracconiere 70enne: aveva 191 uccelli illegalmente catturati o abbattuti, dei quali 113 di specie protette

L'uomo dopo essere stato scoperto ha abbandonato il fucile e l'auto ed è scappato nei boschi. L'intervento della polizia provinciale di Verona, in servizio antibracconaggio

Pubblicato il - 19 ottobre 2021 - 20:58

VERONA. Trappole illegali e reti per imprigionare esemplari protetti. A finire nei guai è stato un bracconiere di 70 anni, residente ad Altissimo. L'uomo è stato scoperto nel territorio di Vestenanova dove, per fuggire agli agenti, si è nascosto nei boschi ma è stato comunque identificato. La vicenda risale ai giorni scorsi quando una pattuglia della polizia provinciale di Verona, in servizio antibracconaggio, ha controllato un cacciatore in località Rigoni nel comune di Vestenanova.

 

Dopo aver sentito un colpo di fucile, gli agenti hanno accertato che l’uomo aveva abbattuto un esemplare di capinera, specie particolarmente protetta. Nel corso del controllo hanno però notato un sentiero che dal capanno di caccia si addentrava nel bosco e, poco distante, sono riusciti a trovare una rete da uccellagione – illegale – con imprigionato un pettirosso, anch’esso specie protetta e non cacciabile.

 

Mentre la pattuglia stava cercando di liberare l'animale, però, il cacciatore è scappato nel bosco, nonostante l’ordine di non allontanarsi, lasciando sul posto sia il fucile che le munizioni. Gli agenti sono comunque riusciti a identificarlo tramite la matricola dell’arma e la targa del veicolo abbandonato poco distante.

 

La polizia ha quindi raggiunto l'abitazione del 70enne nel comune di Altissimo. Nella perquisizione dell’abitazione sono state rinvenute 18 trappole illegali per la cattura di avifauna, una tagliola illegale per mammiferi e ben 191 uccelli illegalmente catturati o abbattuti, dei quali 113 esemplari di specie particolarmente protette.

 

Ignorando l’invito dei famigliari a rientrare a casa, il cacciatore, contattato al telefono, ha deciso di rimanere nei boschi fino alla partenza degli agenti. All’uomo potrebbero venire contestati – oltre ai reati venatori – anche l’abbandono dell’arma e la resistenza a pubblico ufficiale.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 7 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
08 dicembre - 17:10
C'è qualcosa di schizofrenico in quanto la Pat. Un albero sano abbattuto e trasportato con i camion a Roma dovrebbe comunicare il valore [...]
Cronaca
08 dicembre - 17:20
Come previsto la neve scende copiosa sull'intero territorio provinciale. Il bollettino delle 16 del Servizio gestione strade della Provincia di [...]
Cronaca
08 dicembre - 16:15
Tra sabato e domenica Fabio Pedretti è venuto a mancare durante una gara di corsa in montagna per un malore. Sotto gli articoli pubblicati (anche [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato