Contenuto sponsorizzato

Il guasto di un mezzo e il razionamento del carburante del governo ungherese non fermano il viaggio della colonna mobile della Protezione civile

La colonna mobile della Protezione civile, in viaggio verso Chișinău, capitale della Moldavia, nel corso della giornata ha dovuto fare i conti con lo stop di un mezzo, fermo in un’officina romena, e con il razionamento del carburante. Hanno proseguito il viaggio 15 dei 18 mezzi, di cui 11 tir, provenienti da Trentino e Alto Adige

Pubblicato il - 22 March 2022 - 19:26

TRENTO. Il razionamento di carburante deciso dal governo ungherese e il guasto di un mezzo non ha fermato la colonna mobile che sta proseguendo verso la Moldavia. 

 

I mezzi della Protezione civile raggiungeranno in serata il comune di Bucovina, in Romania, dove i membri del gruppo trascorreranno l’ultima notte prima della consegna alle autorità moldave del materiale necessario per l’allestimento di un campo di accoglienza con una capacità di 500 posti. La consegna avverrà a circa 30 chilometri da Chișinău (capitale della Moldavia) dove si trova il magazzino logistico dell'Ispettorato generale per le situazioni di emergenza del Ministero dell'Interno moldavo.

 

 

Nel corso della giornata, la colonna mobile ha dovuto fare i conti con lo stop di un mezzo, fermo in un’officina romena, mentre il razionamento del carburante deciso dal governo ungherese per evitare accaparramenti e speculazioni, non ha fortunatamente avuto ripercussioni negative. Il quantitativo massimo di 100 litri per ogni rifornimento è infatti molto limitato per mezzi pesanti con una capacità anche di 300 litri come quelli che stanno trasportando i container con il materiale per il campo profughi (tende, fornelletti, brandine, coperte, kit di lenzuola, torri fari, quadri elettrici..) e i beni di prima necessità della Caritas trentina destinati alle parrocchie moldave che stanno accogliendo donne e bambini che scappano dalla guerra.

 

 

Un guasto meccanico al sistema automatico di azionamento del cambio della cucina mobile in dotazione ai Nuvola, proprio a poche centinaia di metri dalla frontiera, in territorio ungherese, ha portato il capo missione Giovanni Giovannini (responsabile della colonna) e il coordinatore del Dipartimento di protezione civile nazionale Andrea Mazo a optare per la prosecuzione del viaggio per 15 dei 18 mezzi, di cui 11 tir, provenienti da Trentino e Alto Adige, mentre il furgone costretto a fermarsi è stato trasportato in un’officina.

 

 

Non disponendo dei pezzi di ricambio, i tecnici dell’officina mobile della protezione civile, con il responsabile Stefano Ferrari, non hanno potuto infatti procedere con la riparazione. Non sono peraltro mancate le difficoltà, dato che il carro attrezzi ha dovuto varcare la frontiera per trasportare il furgone nell’officina che si trova in Romania. Un trasporto per il quale è stato necessario attendere diverse ore. In serata i due veicoli a supporto dei Nuvola hanno raggiunto il resto della colonna mobile, mentre gli uomini del Nucleo protezione civile degli alpini trascorreranno la notte in una struttura ricettiva nei pressi dell’officina.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
25 giugno - 17:35
Il presidente Fugatti ha detto che ''il ministro qui in Val di Non è venuto a visitare le strutture e a conoscere da vicino i progetti che le [...]
Cronaca
25 giugno - 15:46
Il bambino avrebbe ingerito qualcosa che gli sarebbe poi andato di traverso, per questo rischiava di morire soffocato: rianimato da un carabiniere [...]
Cronaca
25 giugno - 16:59
L'incidente è avvenuto nella zona industriale di Spini di Gardolo. Scontro tra due auto, tre feriti accompagnati al pronto soccorso di Trento
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato