Contenuto sponsorizzato

La protezione civile e l’auto ucraina con il cartello scritto a mano: “Ditu (bambini)”. L’interprete: “Probabilmente hanno voluto portare in salvo dei minori”

La colonna mobile della protezione civile, in viaggio verso la Moldavia, ha incrociato un’auto con targa ucraina: “Al posto di guida un uomo di mezza età e dai sedili passeggeri spunta un seggiolino. L’auto potrebbe aver portato in salvo dei bimbi per poi fare rientro nel Paese sotto attacco”

Di T.G. - 23 marzo 2022 - 18:30

TRENTO. “Ditu (bambini)” si legge sul cartello scritto a penna e appiccicato con il nastro adesivo sul lunotto e sul parabrezza di una Hyundai Tucson con targa ucraina. Il mezzo precede il furgone della protezione civile guidato da Stefano Ferrari che apre la colonna mobile composta da mezzi trentini e altoatesini.

 

L’auto viaggia in direzione della Moldavia. Al posto di guida un uomo di mezza età e dai sedili passeggeri spunta un seggiolino. L’auto, ipotizza l’interprete Petru Turcanu, membro del Nucleo volontari alpini, ha portato in salvo dei bimbi e ora sta facendo rientro nel Paese sotto attacco. Quel cartello serviva a segnalare ai militari la presenza a bordo di minori. Una storia che si perde fra le tante in mezzo all’infinito dramma della guerra.

Nel frattempo la colonna mobile ha raggiunto la frontiera verso metà pomeriggio. I mezzi del Servizio prevenzione rischi, dei vigili del fuoco volontari e permanenti, Nuvola, Croce rossa e Croce bianca altoatesina sono stati controllati seguendo una corsia preferenziale.

Poi, il passaggio per Leuseni mentre in serata è previsto l’arrivo a Chișinău, capitale della Moldavia. Nella notte è atteso anche l’arrivo anche dei tre mezzi (rimasti centinaia di chilometri più indietro dopo la riparazione della cucina mobile dei Nuvola) con il capo missione Giovanni Giovannini.

A una trentina di chilometri dalla città si trova il centro logistico dove domani mattina sarà scaricato il materiale necessario per l’allestimento di un campo per l’accoglienza di 500 persone in fuga dalla guerra. Nelle stesse ore si procederà con la consegna dei beni di prima necessità raccolti dalla Caritas tramite le parrocchie che stanno accogliendo i profughi.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 28 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
30 giugno - 15:12
L'incidente è avvenuto in val Venosta: un impatto tra un'auto e un mezzo pesante. Un bambino di 5 anni è stato trasportato all'ospedale di Bolzano
Ambiente
30 giugno - 13:23
Il mare è entrato nel fiume Po per 30 km e non era mai successo: record del cuneo salino.  Oggi l'Osservatorio crisi idriche [...]
Economia
29 giugno - 16:52
In seguito alla decisione della Russia di tagliare le forniture di gas all'Italia, i prezzi della materia prima sono schizzati alle stelle: ciò [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato