Contenuto sponsorizzato

La colonna mobile di Trento e Bolzano pronta a partire per allestire un campo profughi in Moldavia: “Accoglierà 500 rifugiati ucraini”

Trento e Bolzano metteranno a disposizione beni per oltre 1,8 milioni di euro fra cui 92 tende complete di impianti elettrici, 100 fornelli elettrici, 600 brandine da campo, 2.000 coperte di lana, 14 torri faro, 5.000 kit lenzuola monouso e altro materiale per allestire un campo profughi

Di Tiziano Grottolo - 18 March 2022 - 16:56

TRENTO. Si parla di 92 tende complete di impianti elettrici, 100 fornelli elettrici, 600 brandine da campo, 2.000 coperte di lana, 14 torri faro, 5.000 kit di lenzuola monouso, materiale elettrico, una cucina da campo e tutta una serie di moduli, panche e tavole. Valore 1,8 milioni di euro. Sono questi i numeri della colonna mobile approntata dalla protezioni civili di Trento e Bolzano che porteranno il materiale per allestire un campo profughi in Moldavia che darà accoglienza a 500 persone in fuga dalla guerra in ucraina.

 

Siamo pronti per la partenza” ha affermato il presidente della Provincia Maurizio Fugatti prima di snocciolare i dati che riguardano i materiali messi a disposizione dal Trentino per un valore complessivo che si aggira intorno a 1.281.000 euro.

Da quanto si apprende il materiale sarà consegnato in un magazzino che dista circa 30 chilometri dalla capitale moldava Chișinău. “Si muoveranno 44 persone – ha aggiunto Fugatti – dipendenti della protezione civile, vigili del fuoco volontari, Croce Rossa italiana, Nuvola, Croce Bianca di Bolzano. Il capo missione sarà Giovanni Giovannini mentre i mezzi saranno 18”.

 

La partenza della colonna mobile (da Lavis) è prevista per lunedì 21 marzo con l’arrivo a Chișinău il 23 marzo, mentre il rientro dovrebbe avvenire tra il 26 e 27 marzo. Trentini e altoatesini, almeno formalmente, si occuperanno solo della consegna del materiale, dopodiché saranno le autorità moldave a occuparsi dell’allestimento del campo profughi “poi se serve una mano noi ci siamo”, sottolinea Fugatti. “È per noi un grande onore dare un sostegno concreto e dare un segno di sentita solidarietà”, ha detto Arnold Schuler, assessore a capo della protezione civile altoatesina.

Nel frattempo la Provincia ha fatto sapere che in Trentino arriveranno una quarantina di orfani ucraini, fra cui alcuni affetti da particolari patologie. “C’è un contatto – ha sottolineato l’assessora alla Salute Stefania Segnana – per chiedere un supporto a minori con patologie importanti. Stiamo lavorando con Croce Rossa per chiedere il loro supporto per la gestione di quei minori che arrivano dall’Ucraina ma hanno patologie particolari da prendere in carico”.


Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 luglio - 19:56
Il sindaco di Levico, Gianni Beretta: "La comunità è molto provata. E' difficile trovare le parole a fronte di una tragedia enorme, che ci [...]
Cronaca
05 luglio - 19:37
Le accuse di Debora Campagnaro, sorella di Erica una delle alpiniste disperse dopo la tragedia sulla Marmolada: “Se ci fosse stato un bollettino [...]
Cronaca
05 luglio - 18:21
Grande il lutto in tutta la comunità per la scomparsa di Filippo Bari, morto sul ghiacciaio della Marmolada: parte anche una raccolta fondi. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato