Contenuto sponsorizzato

Medici e sanitari ucraini potranno esercitare anche in Italiana

Il decreto prevede che medici e sanitari ucraini d’ora in avanti, fino al 4 marzo 2023, possano esercitare anche in Italia

Foto askanews
Pubblicato il - 23 marzo 2022 - 08:42

ROMA.“È consentito l’esercizio temporaneo delle qualifiche professionali sanitarie e della qualifica di operatore socio-sanitario ai professionisti cittadini ucraini residenti in Ucraina prima del 24/2/22 che intendono esercitare nel territorio nazionale, in strutture sanitarie pubbliche o private, una professione sanitaria o socio sanitaria in base a qualifica conseguita all'estero regolata da direttive Ue”. Questo uno dei passaggi che decreto “Misure urgenti” varato dal Governo e pensato per affrontare l’emergenza della guerra in Ucraina.

 

Di fatto medici e sanitari ucraini d’ora in avanti, fino al 4 marzo 2023 potranno esercitare anche in Italia. Si tratta di una deroga che consentirà alle strutture sanitarie (sia pubbliche che private) di assumere temporaneamente, con contratti a tempo determinato o con incarichi in libera professionale, cittadini ucraini con Passaporto europeo e in possesso dello status di rifugiati.

 

Alle strutture sanitarie il compito di fornire “alle Regioni e alle Province autonome, nonché ai relativi Ordini professionali, i nominativi dei professionisti sanitari reclutati ai sensi del presente articolo”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato