Contenuto sponsorizzato

Monte Bondone, la stagione sciistica chiude con 150 mila presenze: "Buon afflusso dei locali. Numeri simili al periodo pre pandemia"

Sono stati superati i 2.500 stagionali venduti, mentre hanno fatto il tutto esaurito i corsi organizzati in collaborazione con il Comune. Ci sono stati picchi di presenze fino a 600 persone a sera per lo sci in notturna

Di Camilla Dallago Istituto Marie Curie di Pergine - 05 aprile 2022 - 22:11

TRENTO. “Sono state 150 mila presenze sulle piste da sci, fino a 600 persone per l’appuntamento con lo sci in notturna, tutto esaurito per i corsi organizzati in collaborazione con il Comune”. È questo il resoconto del sindaco di Trento Franco Ianeselli sulla stagione sciistica sul Monte Bondone.

 

Nonostante le incertezze della vigilia e l’emergenza sanitaria sono state 150 mila le presenze (i cosiddetti “primi ingressi”) per la stagione sciistica iniziata lo scorso 3 dicembre, data di apertura degli impianti di risalita. Una cifra analoga a quelle raggiunte nelle stagioni pre Covid.

 

“Il Monte Bondone è un meta molto apprezzata dalle famiglie - afferma l’assessora Elisabetta Bozzarelli - e da sempre attrae un turismo familiare, grazie anche alle dimensioni delle piste che accolgono tutti gli sciatori che hanno voglia di stare in compagnia”.

 

Quest’anno è stato buono l’afflusso degli ospiti locali, che non hanno fatto mancare la loro presenza durante tutti i weekend. Sono stati ottimi gli esiti delle iniziative promosse in collaborazione con il Comune di Trento. Minore invece è stato l’afflusso di turisti provenienti dall’estero.

 

“Sono convinto che nei prossimi anni il Monte Bondone sarà sempre più una risorsa – prosegue il sindaco – e Trento sarà sempre più urbano-alpina, capace di valorizzare il suo essere città e le innumerevoli risorse naturali del territorio in quota”.

 

Le difficoltà che si sono incontrate sono state tante, come sottolinea Michela Defrancesco di Trento Funivie: “E’ stata una stagione complessa, che ha messo in gioco tante risorse e personalità diverse”.

 

La prima grande difficoltà è stato l’inverno molto secco e avaro di neve, si contano quattro scarse precipitazioni in quattro mesi. A causa della carenza di precipitazioni, le piste sono state preparate quasi totalmente con neve programmata. È dunque risultata evidente l’importanza degli investimenti effettuati negli ultimi anni da Trento Funivie per migliorare le piste e garantire una maggior sicurezza e un minor utilizzo di neve. In particolare la società ha lavorato sia sul livellamento del piano sciabile sia sul rinnovamento e l’efficienza degli impianti di innevamento programmato.

 

“E’ stata una stagione dove siamo partiti con incertezza – ribadisce Paolo Prada dell’Associazione operatori del Monte Bondone – infatti ci sono stati grossi fermi alla fine di gennaio e a inizio febbraio, ma poi c’è stata una ripresa con il Carnevale”.

 

Ottimo l’esito delle iniziative promosse con la collaborazione e il contributo del Comune di Trento. Per quanto riguarda gli skipass, sono stati superati i 2500 stagionali venduti, con una quota importante di bambini e ragazzi. Inoltre, anche quest’anno si è registrato il sold out dei posti disponibili per i corsi di sci, pur tenendo conto delle limitazioni imposte dai regolamenti Covid che limitavano la capienza degli autobus. Notevole anche l’interesse per i corsi organizzati con gli istituti scolastici.

 

“Il Bondone lo immaginiamo come una montagna plurale – sostiene il sindaco – che vive tutte le stagioni".

 

Inoltre i due nuovi tapis roulant realizzati lungo il lato sinistro della pista Cordela, che permettono ai principianti un “secondo step” dopo il Campo Primi Passi, ha riscontrato un grande apprezzamento dalle famiglie con forte inclinazione all’avviamento allo sci.

 

Un altro fiore all’occhiello dell’offerta del Monte Bondone è stato lo sci notturno: sono state 23 le serate realizzate con picchi di presenze fino a 600 sciatori a sera.

 

Infine ha avuto buon successo anche quest’anno lo Snowpark, apprezzato anche in notturna. Sono stati organizzati dieci eventi a livello locale e nazionale tra cui spiccano la tappa di Coppa Italia di Snowboard con oltre 80 iscritti e il Freestyle Big Bubble tour con oltre 100 iscritti.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 1 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
02 luglio - 21:22
Il 36enne stava affrontando una highline, una apposita fettuccia assicurata e tesa tra due sostegni a una quota di circa 1.400 [...]
Cronaca
02 luglio - 19:19
Le fiamme si sono sviluppate tra i vigneti nei pressi di un bunker della Seconda guerra mondiale, l’intervento dei vigili del fuoco complicato [...]
Cronaca
02 luglio - 20:41
Confesercenti del Trentino: "Ci ha lasciato Loris Lombardini: una persona dal grande cuore e dalla grande personalità"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato