Contenuto sponsorizzato

''Una bomba ci ha distrutto casa e siamo rimaste nascoste in cantina'', il racconto della 47enne tetraplegica scappata dall'Ucraina e accolta dall'Anffas

La donna con disabilità grave è stata accolta a Casa Serena: "Siamo passate dall’inferno della guerra e ora siamo arrivate in paradiso". Altri 40 uomini pazienti psichiatrici sono invece stati accolti nella notte a Levico Terme

Di L.A. - 07 April 2022 - 18:28

TRENTO. "Siamo passate dall’inferno della guerra e ora siamo arrivate in paradiso, vi ringrazio tantissimo, di cuore, per la gentilezza", così la donna con disabilità grave accolta in Trentino dopo un lungo viaggio dall'Ucraina. La 47enne è stata accolta dagli operatori di Casa Serena, struttura gestita da Anffas, mentre altre 40 persone psichiatrici si trovano a Levico Terme (Qui articolo).

 

Sono arrivati in Valsugana nella notte tra mercoledì 6 e giovedì 7 aprile i profughi ucraini evacuati da Leopoli negli scorsi giorni (Qui articolo). Un viaggio di circa 1.300 chilometri percorsi in 36 ore per raggiungere la struttura messa a disposizione dalla Croce rossa italiana a Levico Terme

 

Nel pomeriggio la 47enne, accompagnata dalla madre, è arrivata a Cognola a bordo di un mezzo sanitario. E' tetraplegica a seguito di un incidente a 25 anni, ora ha l’occasione per cominciare il ritorno alla tranquillità, dopo il viaggio fino a Trento e soprattutto dopo l’incubo della guerra, che ha cambiato la sua vita e quella della famiglia a Chernihiv, città bombardata dai russi nel nord dell’Ucraina.

 

Il conflitto è scoppiato il 24 febbraio scorso e dopo alcuni giorni, ha raccontato la donna mostrando con l’aiuto della madre le foto sul cellulare della città, prima e dopo le devastazioni, sono iniziati i bombardamenti.

 

Le bombe prima hanno lambito e poi distrutto la loro casa, costringendole a rifugiarsi in cantina. Nel seminterrato sono rimasti lei, la madre e il padre, per una settimana, al freddo e al buio. Successivamente si sono spostati in una chiesa, nella stessa città, per una decina di giorni. Quindi un trasporto di fortuna li ha portati verso Kyiv, nel quale l’auto si è fermata e sono stati soccorsi, e poi ancora l’approdo verso l’ovest dell’Ucraina, dove è avvenuto il contatto con operatori sanitari italiani e quindi la possibilità di mettersi in salvo in Trentino.

 

Ora il presente lascia spazio a un sorriso, nel giardino e negli spazi attrezzati di Casa Serena, una struttura completamente sbarrierata, capace di garantire la migliore risposta di accoglienza alle persone con questo tipo di problematiche cliniche. La 47enne è stata accolta dal direttore Pietro Grigolli, dall’operatrice Inna Deyneko, che parla ucraino e ha fatto da interprete, e dal medico Marco Clerici.

 

"Abbiamo dormito per terra in cantina, ci saremmo accontentate di una semplice stanza", ha detto la madre entrando nei locali riservati dalla struttura in cui è stato affisso il cartello "Welcome, benvenute". "Questo è un importante aiuto che stiamo dando come sistema Trentino. Il nostro territorio continua a confermare il proprio spirito solidale e in questo caso va sottolineato il contributo dato da Anffas, con una struttura specializzata per l’accoglienza di persone con disabilità", il commento dell'assessora Stefania Segnana.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
24 giugno - 20:07
La Pat ha presentato un piano contro la diffusione del bostrico: l'individuazione precoce degli alberi infestati e il loro immediato abbattimento [...]
Cronaca
24 giugno - 21:27
Il fienile, dove si trovava una famiglia, è stato colpito da un fulmine. Stando alle prime informazioni una bambina di 11 anni sarebbe stata [...]
Cronaca
24 giugno - 17:47
L'assessore Tonina in Terza Commissione: "O si riuscirà a trovare una condivisione trasversale sulla costruzione di un impianto gassificatore, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato