Contenuto sponsorizzato

Nel Feltrino arriva il Graupel, la ''neve tonda'': ecco cos'è

Il fenomeno si è verificato ieri intorno all'ora di pranzo. “In parole semplici questo tipo di precipitazione si forma in partenza da fiocchi di neve che arrivano repentinamente a quote atmosferiche con temperature decisamente più elevate, e, al posto di sciogliersi nel punto di fusione, si 'arrotolano' su se stessi formando i tipici granelli tondi''

Di Luca Pianesi - 03 dicembre 2023 - 11:57

FELTRE. Nel turbinio di condizioni atmosferiche che si sono susseguite nelle ultime ore (si è passati rapidissimamente dalla neve a bassa quota alla pioggia con lo zero termico rialzatosi sopra i 2.500 metri e poi il freddo e il crollo delle temperature) nel Feltrino si è assistito anche all'arrivo del graupel. Le immagini sono state catturate da Moreno Scopel intorno alle 13. Questi pallini di ghiaccio sono uno stadio intermedio tra la neve e la grandine e vengono definiti anche ''palline di neve'' 

 

Come il Dolomiti ce ne eravamo occupati qualche anno fa, era il 26 febbraio 2020, quando la specificità del fenomeno era stata posta in evidenza dall'area meteorologica della Fondazione Museo Civico di Rovereto, che attraverso una nota del responsabile Filippo Orlando, aveva indicato come non si trattasse né di una nevicata né di una grandinata.

 

“Si tratta di un fenomeno non comune alle nostre latitudini ma comunque abbastanza tipico per gli inverni molto miti come questo (cui ci stiamo purtroppo abituando), e cioè alla cosiddetta 'neve tonda' o Graupel”, spiegava nel 2020.

 

Il fenomeno, piuttosto comune nella regioni meridionali, è legato all'irruzione, dopo una serie di giornate con temperature temperate, di un improvviso fronte freddo che ha portato a un elevato gradiente, cioè ad uno scarto consistente di temperatura tra le alte quote che sono tornate sottozero e le basse quote, con temperature ancora alte rispetto alle medie stagionali.

 

“In parole semplici – ha continuato Orlando – questo tipo di precipitazione si forma in partenza da fiocchi di neve che arrivano repentinamente a quote atmosferiche con temperature decisamente più elevate, e, al posto di sciogliersi nel punto di fusione, si 'arrotolano' su se stessi formando i tipici granelli tondi, che riescono a toccare il suolo anche quando il termometro è ben sopra allo zero termico. Oggi in Trentino il fenomeno si è verificato in particolare con temperature intorno ai 7-8 gradi”.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 febbraio - 13:20
A partire dalla serata di oggi (giovedì 22 febbraio) un'ondata di instabilità interesserà per diversi giorni il territorio portando pioggia in [...]
Cronaca
22 febbraio - 12:15
L'Organizzazione internazionale protezione animali interviene sulla vicenda di Albert Stockner, il 73enne altoatesino morto negli scorsi giorni nei [...]
Cronaca
22 febbraio - 13:00
La tragedia è avvenuta ad Ora. A scoprire il corpo del 27enne il datore di lavoro 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato