Contenuto sponsorizzato

Maltempo, smottamento coinvolge le abitazioni: due case evacuate (FOTO e VIDEO). Interrotta la statale del Caffaro per l'esondazione di un corso d'acqua

Criticità in val del Chiese e in val Rendena a causa del maltempo. Uno smottamento ha raggiunto alcune abitazioni, un rio è esondato e la statale del Caffaro è stata interrotta

Di LA - 01 aprile 2024 - 15:24

TRENTO. Due case evacuate, corsi d'acqua in piena, frane e strade chiuse. Sono diversi i disagi sul territorio a causa dell'ondata di maltempo che ha interessato gran parte del Trentino. Una serie di criticità attese con l'emanazione di un avviso di allerta gialla da parte della Protezione civile fino alla mezzanotte di oggi, lunedì 1 aprile.

Nella giornata di Pasqua si sono verificati due crolli sulla statale 350 dell'Alpe Cimbra (Qui articolo) mentre in queste ore sono stati diversi gli eventi che hanno richiesto la mobilitazione della macchina dei soccorsi per la messa in sicurezza, la gestione delle emergenze e le verifiche tecniche.

A Verdesina, frazione del Comune di Porte di Rendena, uno smottamento di fango e detriti proveniente dal versante che sovrasta l’abitato ha coinvolto due case, che sono state evacuate.


Il fenomeno più rilevante in termini di volume – svariate migliaia di metri cubi di detriti – ha colpito la località Cà Rossa, in Comune di Storo, dove le abbondanti piogge hanno causato la piena del rio Bianco (dialettalmente conosciuto come rio Lebràc) e innescato una colata di detriti che ha inciso l’alveo del torrente poco a valle della località Faserno, a circa 1.400 metri di quota, trascinando con sé detriti di varie dimensioni, dalle argille ai massi di dimensione superiore al metro cubo. La lava torrentizia si è infranta contro la “briglia filtrante” realizzata nel 2017 dal Servizio bacini montani all’apice del cono di deiezione (quota 500 circa). La “piazza di deposito” situata dietro la briglia ha trattenuto circa 4 mila metri cubi di materiale (il corrispettivo del materiale che può essere trasportato da 400 camion) e ha evitato che i detriti si riversassero interamente sul conoide.

 

Quest’ultimo è il risultato di altre colate storiche che nei secoli si sono riversate, tra cui quelle del secolo scorso (1906, 1960, 1966) e quella descritta dallo storico locale per eccellenza, il padre cappuccino Cipriano Gnesotti, che narra come il 17 marzo del 1795, verso le 22, “il Reblac o sia Rio bianco in Storo ha arrenate a centinaia, anzi a migliaia di pertiche, li prati, campi, ed Arbori ad esso Rio sottoposti”.

A quell’epoca il cono di deiezione del rio Bianco ospitava quasi esclusivamente coltivazioni agricole e castagneti, oggi invece include numerose abitazioni, che grazie alle opere di prevenzione realizzate a partire dalla fine dell’Ottocento, e in particolare a quelle ultimate nel 2017, non hanno subito danni. La temporanea interruzione, spiega la Provincia, subita dalla strada statale 237 del Caffaro in località Sottovillo, invasa dal fango proveniente dal corso d'acqua, rientra nel concetto di “rischio residuo”, poiché attraverso le opere di difesa non si può conseguire il "rischio zero".

"A fronte di eventi di tale dimensione, alle fasi di prevenzione (tramite le opere di difesa realizzate sul territorio, che anche in questa occasione hanno manifestato tutta la loro importanza) e di previsione (tradotta nei bollettini e nelle allerte meteo) devono seguire quelle di gestione e di superamento dell’emergenza, che vedono ora impegnata la Protezione civile trentina nelle sue componenti professionali e del volontariato, a partire dai vigili del fuoco locali, che grazie alla loro presenza capillare sul territorio trentino sono i primi ad accorrere al manifestarsi delle emergenze", commenta Provincia.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
19 aprile - 09:12
Nel 2023 il Soccorso alpino e speleologico Trentino è intervenuto più di 1.500 volte per prestare soccorso a 1.637 persone fra cadute, [...]
Cronaca
19 aprile - 09:32
Non c'è più scampo per i furbetti dei rifiuti in Valle Sabbia, dove da qualche tempo sono state piazzate delle fototrappole. Ecco il [...]
Cronaca
19 aprile - 06:01
Sono giorni di annunci degli artisti, da Ariete a Capoplaza, da Achille Lauro a Tony Boy ma il Trentino sembra essere stato preso in contropiede [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato