Contenuto sponsorizzato

Addio a Renzo Anderle, ex consigliere provinciale e sindaco di Pergine. "Un signore, un esempio", il cordoglio del mondo politico

L'ex sindaco è scomparso ieri sera all'età di 70 anni

Pubblicato il - 23 September 2017 - 09:24

PERGINE. Nato a Pergine Valsugana nel 1947, è scomparso ieri sera Renzo Anderle, già sindaco del Comune di Pergine Valsugana e consigliere provinciale.

 

Tra i primi attestati di cordoglio quelli dell'assessore provinciale Luca Zeni che con Anderle sedette in consiglio comunale a Pergine e in Consiglio provinciale. 

 

“Ho conosciuto Renzo Anderle quando venni eletto nel 2005 in consiglio comunale a Pergine. All'inizio – ha spiegato l'assessore in un post sulla propria pagina Facebook - il rapporto fu cordiale ma non facile; incominciai dovendo difendere la sua scelta di una giunta che mi escludeva nonostante il consenso ottenuto, ed in seguito spesso la mia esuberanza giovanile si arenava con la sua necessità di mantenere gli equilibri di una coalizione composita e di amministrare un paese articolato come Pergine”.

 

Poi la conoscenza in consiglio provinciale nel 2008. “Un signore, un esempio”, scrive Zeni. “ Lui, che entrava in Consiglio provinciale da Presidente del Consorzio dei comuni ma rimaneva escluso dalla giunta, non si è lamentato, non ha preteso posti come si fa spesso in politica.Semplicemente, ha lavorato. Tanto. Sotto voce. Approfondiva, studiava, sviscerava proposte di legge e delibere, segnalava le criticità e i miglioramenti possibili, spesso in silenzio, senza comunicati stampa o urla. E quando interveniva, lo faceva sempre nel merito, perché si era preparato”.

 

“Renzo era un signore – conclude - un galantuomo, un politico che interpretava il suo ruolo con senso del dovere e responsabilità. Un esempio positivo e anacronistico nella politica urlata di oggi”.

 

A ricordarlo anche l'ex consigliere povinciale Giorgio Lunelli. “Per cinque anni – ricorda - ci siamo confrontati quotidianamente. In una stagione che sembra premiare le semplificazioni e le banalità, amavi prepararti, studiare i fascicoli. Nel tuo agire, ad ogni livello, la rettitudine morale non era solo un modo di dire, nemmeno il concetto di correttezza era qualcosa di astratto. Il tono pacato del tuo argomentare dimostrava quanto fuori luogo fossero certi urlatori”.  

 

Renzo Anderle tra il 1980 e il 1995 è stato alla guida della Azienda Municipalizzata di Pergine Valsugana, attiva sul fronte della produzione e distribuzione di energia elettrica, acqua e gas.

 

Con le elezioni amministrative del giugno 1995 è eletto Sindaco del Comune di Pergine Valsugana ed è confermato nella carica alle elezioni comunali del 2000 e del 2005. Nel 1995 ricopre la carica di Vice Presidente della Rappresentanza Unitaria dei Comuni e, successivamente, viene eletto componente del Consiglio di Amministrazione del Consorzio dei Comuni Trentini del quale assume la Presidenza nel febbraio 2004 e, successivamente, anche la Presidenza del Consiglio delle Autonomie Locali.

 

Alle provinciali del 2008 è eletto nella lista dell’Unione per il Trentino. E rimarrà in consiglio fino al 2013.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 March - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 March - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

02 March - 19:40

C'è la firma sul nuovo Dpcm, il primo del premier Draghi, che entra in vigore dal 7 marzo al 6 aprile, Pasqua inclusa. Un'altra novità riguarda cinema e teatri. "Dal 27 marzo sarà possibile con una prenotazione online, tornare a frequentare i luoghi della cultura"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato