Contenuto sponsorizzato

Alle Sarche domenica 30 ottobre pronto l'esplosivo per far saltare 70 metri cubi di roccia

L'evacuazione della popolazioni si svolgerà dalle ore 9.30 alle 10.30 e interesserà un'area con un raggio di 250 metri

Pubblicato il - 22 ottobre 2016 - 09:03

Ci sarà una evacuazione di un centinaio di persone domenica 30 ottobre all'abitato di Sarche, nel comune di Madruzzo, per la demolizione della cosiddetta "placca 3", un ammasso di circa 70 metri cubi di roccia attraverso l'impiego di esplosivo.

I residenti nella parte ovest del paese, prospiciente alla parete rocciosa, dovranno abbandonare le proprie case e attività. L'evacuazione si svolgerà dalle ore 9.30 alle 10.30 e interesserà un'area con un raggio di 250 metri.

L'esplosione dovrebbe avvenire attorno alle 11.30 con il rientro successivo delle persone nelle proprie case.

 

l Centro Operativo Comunale (C.O.C.) da dove saranno coordinate tutte le operazioni sarà allestito presso la Cantina Sociale di Toblino; sul retro della stessa si troverà invece il Centro di Accoglienza per la popolazione evacuata, costituito da un tendone riscaldato, adiacente al quale verrà montata la struttura dei Nu.Vol.A. per la preparazione dei pasti. E' altresì previsto, nella stessa zona, l'allestimento di un Posto medico avanzato (PMA).

Di particolare importanza, al fine di salvaguardare la sicurezza pubblica, è l'interdizione al passaggio veicolare e pedonale della viabilità e dei sentieri ricadenti nella "zona rossa".

Dalle ore 11 e per circa 45-60 minuti rimarranno chiuse la strada statale n. 237 del Caffaro e la strada statale n. 45 Gardesana nel tratto del centro abitato di Sarche, con posti di blocco prima del ponte sul Sarca (provenendo da Ponte Arche), alla rotatoria vicino alla Cantina di Toblino (indirizzando verso la S.P. n. 84), e di fronte alla chiesa di Sarche.

 

Per non creare disagi alla circolazione sui percorsi principali Trento - Arco e viceversa, Trento - Tione e viceversa, alle ore 10.40 circa saranno attivati blocchi stradali sulle relative strade statali nei seguenti punti: a Ponte Arche in direzione Trento, con deviazione per passo del Ballino o per Molveno, al Ponte dei Servi in direzione Trento, a Vezzano in direzione Sarche (e per Arco - Tione) con deviazione sulla S.P. n. 84, e alla rotatoria, con inversione di marcia, dopo il ponte tra i laghi di Toblino e S.Massenza.

 

Il traffico proveniente da Arco troverà a Dro una prima deviazione consigliata per Trento lungo la S.P. n.84 e una deviazione alla rotatoria di Sarche nei pressi della Cantina sociale di Toblino sulla S.P. n. 251 per poi confluire sulla S.P. n. 84.

Anche i tratti di strade comunali ricadenti nel raggio di 250 metri della "zona rossa" saranno naturalmente interdetti al passaggio di persone e mezzi tramite posti di blocco presidiati dalle Forze dell'Ordine, Polizia locale e Forestali. La stessa cosa vale per i sentieri di accesso alle palestre di roccia della parete interessata alla rimozione della placca rocciosa pericolante e per il sentiero che porta alla ferrata "Pisetta", nonché per la ciclabile della Valle dei Laghi

Le modalità organizzative ed i dettagli di "Placca 3" saranno illustrati alla popolazione in un incontro pubblico, promosso dal Comune e dal Servizio Prevenzione Rischi, che si terrà mercoledì 26 ottobre alle ore 20.30 presso la sala della Cantina Sociale di Toblino

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.35 del 11 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 dicembre - 05:01

A sinistra sembra cominciato il gioco più amato di quest'area politica: la tafazziana scissione. Il partito di Boato e Coppola probabilmente conta di sfruttare l'onda lunga dei movimenti ambientalisti in Europa ma proprio nome e simbolo rischiano di renderli poco attrattivi e di legarli a vecchie logiche. Molto dispiaciuto il presidente di Futura: ''Non sarà una lista in più a darci maggiore chance di vittoria''

11 dicembre - 19:46

Il versamento a Fratelli d'Italia è apparso nell'ultima inchiesta fatta dall'Espresso. L'attuale presidente dell'associazione è Sergio Berlato, ex Alleanza Nazionale e eletto in Europarlamento quest'anno con Fratelli d'Italia. L'ex presidente dei cacciatori è stata eletta nel 2018 in Parlamento sempre con il partito della Meloni 

11 dicembre - 16:21

Il sindacato si scaglia contro il disegno di legge sponsorizzato da Fugatti “Ritorsioni della provincia verso i familiari dei condannati”. Qualora la norma fosse approvata la Fiom fa appello al governo nazionale “affinché blocchi questo gravissima e insensata deriva della democrazia”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato