Contenuto sponsorizzato

Dal Comune di Trento oltre 625 mila euro in interventi di riqualificazione e manutenzione

I lavori riguarderanno Villa Campagna, la scuola elementare Savio e il centro civico di Madonna Bianca

Pubblicato il - 16 novembre 2016 - 13:10

“Piccoli ma importanti interventi per la vivibilità della nostra città che consentono anche di rispondere alle esigenze dei cittadini”. L'assessore ai Lavori pubblici del Comune di Trento, Italo Gilmozzi, ha presentato questa mattina alcuni interventi di sistemazione e manutenzione che riguardano tre edifici pubblici. L'obiettivo è anche quello di un migliore efficientamento energetico.

 

Ecco gli interventi

 

 

Villa Cavagna, impianto idraulico da rifare

 

Il centro polifunzionale per anziani “Villa Cavagna”, sulla collina est di Trento, ospita oltre alle residenze protette, un polo sociale, ambulatori medici e un centro diurno anziani. Le opere previste riguardano la zona di collegamento della struttura di Villa Cavagna con la casa di riposo soprastante, collegamento che ospita anche tutte le linee di distribuzione dell'acqua calda e fredda sanitaria e i circuiti di raffrescamento e riscaldamento delle residenze poste a ovest della struttura. Le attuali tubazioni, realizzate in acciaio zincato per la parte sanitaria e in tubo nero per i circuiti di riscaldamento e raffrescamento, presentano un precoce invecchiamento con frequenti perdite dovute anche alla presenza dei vapori di cloro presenti all'interno del locale sotto la piscina.

Il progetto prevede la deviazione del percorso dei circuiti a servizio delle residenze usufruendo dei locali adiacenti a quello della piscina e costruendo un cunicolo in calcestruzzo interrato di collegamento ispezionabile sotto il portico di collegamento delle due strutture. Visto che i vari impianti saranno realizzati parallelamente a quelli esistenti, i disservizi per l'utenza saranno di breve durata. Gli impianti che transiteranno nei locali con alta concentrazione di vapori di cloro saranno realizzati mediante tubazioni in acciaio Inox. Quelli nel nuovo cunicolo verranno realizzati in tubo nero per gli impianti di riscaldamento e in acciaio zincato per quanto riguarda la parte sanitaria. All'interno del cunicolo verrà realizzato anche l'impianto elettrico. La spesa complessiva ammonta a 143.500 euro, oneri fiscali e spese tecniche compresi.

 

Nuovi spogliatoi per la scuola elementare Savio

La scuola primaria di primo grado “Domenico Savio”, nel quartiere di San Pio X a Trento, costruita negli anni 1961-62, è dotata di una palestra collegata alla struttura principale mediante un corridoio, sul quale insistono gli spazi per gli spogliatoi, attualmente ad uso promiscuo. Il progetto prevede la rimodulazione degli spazi portando a due gli spogliatoi, ognuno con servizi igienici propri e indipendenti. Si realizzerà inoltre un servizio per disabili e verranno creati due depositi compartimentati per la resistenza al fuoco. I lavori previsti consistono nelle demolizioni degli attuali locali e degli impianti con il rifacimento di pareti, pavimentazioni, rivestimenti ceramici, controsoffitti, serramenti interni, impianti idrici, termici ed elettrici. La spesa prevista ammonta a 172.000 euro, oneri fiscali compresi. L'esecuzione dei lavori è prevista nell'estate 2017 durante la chiusura estiva del plesso scolastico

 

 

Nuova vetrata per il centro civico di Madonna Bianca

Sostituzione della grande facciata continua vetrata, adeguamento antincendio della biblioteca comunale e degli impianti: sono questi gli interventi in programma nel centro civico di Madonna Bianca. Si tratta di lavori improrogabili in quanto la struttura vetrata esistente, realizzata nella prima metà degli anni settanta, si presenta in precarie condizioni estetiche, funzionali e prestazionali. E' notevole infatti la dispersione termica, dovuta sia al singolo vetro temperato, sia alle parti metalliche di completamento arrugginite e prive di isolamento termico. Sarà eseguita inoltre la compartimentazione antincendio della biblioteca comunale (primo piano lato sud), con la creazione di una seconda via di esodo al fine di adeguare la struttura alle vigenti normative.

Il progetto prevede la rimozione della facciata continua vetrata di tutto il primo piano del centro civico e sociale, la posa in opera di una nuova facciata continua realizzata con profilati in alluminio. Il vetro sarà a bassa emissività e ad alto isolamento acustico. Nella vetrocamera verranno inoltre inserite veneziane a lamelle d'alluminio preverniciato. Le parti apribili necessarie alle vie di fuga saranno complete di maniglioni antipanico e aperture verso l'esterno. La facciata continua sarà realizzata mantenendo inalterata la superficie vetrata.

Saranno rifatti anche gli impianti termoidraulici realizzando un nuovo circuito dedicato alla sola biblioteca per permettere di economizzare sui costi di gestione del riscaldamento. Per la parte a servizio delle associazioni (circolo anziani, sala circoscrizionale e associazione camperisti), considerando la loro recente installazione, verranno ripristinati i vecchi corpi scaldanti previo il lavaggio e l'eventuale dotazione di valvola termostatica. Per la zona adibita a biblioteca è stata prevista la sostituzione sia dei radiatori che il rifacimento completo dei circuiti di distribuzione. E' previsto nel progetto anche l'adeguamento degli impianti elettrici, di emergenza e sicurezza. La spesa prevista ammonta a 310.000 euro.

La realizzazione dei lavori è prevista nell'estate 2017

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato