Contenuto sponsorizzato

Era finito in carcere per violenza sessuale di gruppo, aggravata dall'uso di stupefacenti, scontata la pena è stato espulso

Il cittadino tunisino di 31 anni, considerato pericoloso per la sicurezza e l'incolumità pubblica, è stato accompagnato al Centro di permanenza per il rimpatrio di Torino

Pubblicato il - 01 August 2017 - 18:54

TRENTO. E' stato espulso un cittadino tunisino di 31 anni. L'uomo si trovava in carcere dal 2011 per una violenza sessuale di gruppo, aggravata dall'uso di stupefacenti. Scontata la pena e considerato pericoloso per la sicurezza e l'incolumità pubblica, il cittadino straniero è stato accompagnato al Centro di permanenza per il rimpatrio di Torino.

 

Questa disposizione rappresenta il risultato di un'attività di monitoraggio permanente dei soggetti irregolari più pericolosi in modo da poter essere subito allontanati una volta scontata la pena.

 

Questa persona si aggiunge ai cinque nordafricani fermati e già accompagnati al Cie di Torino per l'espulsionesette provvedimenti di allontanamento del territorio nazionaledue fogli di via obbligatori per 3 anni e due ammonimenti orali di fine luglio (Qui articolo completo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 March - 18:42

Il presidente ha confermato l'intenzione di proseguire con le lezioni in presenza. Ferro ha raccomandato di arieggiare gli spazi chiusi e mantenere le distanze sociali: ''Non ci rendiamo conto di quanto sia stressato il nostro sistema sanitario per questo aumento dei ricoveri che temo per i prossimi 10 giorni non potranno che aumentare''

03 March - 18:37

Il rapporto contagi/residenti a Giovo continua a rimanere sopra il 3% così il presidente della Pat firmerà a breve l’ordinanza per far scattare nuove misure. Fugatti: “Per le scuole medie non cambia nulla per il resto si applicano le restrizioni da zona rossa”. L’ordinanza in vigore da alla mezzanotte di giovedì

03 March - 18:15

Il contagio torna a mettere in difficoltà il sistema sanitario in Trentino con 47 ricoveri in terapia intensiva (il massimo della seconda ondata era stato 53) e altre 3 persone in alta intensità. Chiuse altre 6 classi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato