Contenuto sponsorizzato

Via Giusti, in un parcheggio privato il riparo dei senza fissa dimora

Lega Nord pronta a presentare una domanda di attualità al sindaco

Pubblicato il - 07 settembre 2016 - 17:14

Alcuni materassi, scarpe abbandonate, cuscini, il tutto in mezzo all'immondizia. Per terra un forchetta, un piumino logoro e nell'aria un pungente odore di urina. Un vero e proprio riparo per senza dimora che si trova accanto al parco di Maso Ginocchio, nella parte posteriore dell'edificio che ospita Eurobrico, LaReS e alcuni altri uffici, tra cui alcuni della Provincia.

 

Basta entrare nel parcheggio privato a servizio dell'immobile “Maso Ginocchio”, fare qualche passo per accorgersi del degrado e dell'immondizia presente.

 

 

 

Sulla situazione la Lega Nord è pronta a presentare una domanda d'attualità al sindaco Andreatta. “E' vergognoso - ha spiegato il consigliere Devid Moranduzzo - uno stato di degrado del genere a due passi da un asilo nido e da un parco. Zone frequentate da molti bambini. Stiamo preparando un documento per il sindaco”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 12:30

Zanella lascia l'assessorato comunale alla Mobilità e andrà in Consiglio provinciale: "Porterò avanti battaglie su diritti, parità di genere e migranti. Ma assieme a tutta la coalizione dobbiamo iniziare a costruire anche un progetto per il 2023"

23 novembre - 16:19

Dati i danni economici causati dal virus il Comune ha approvato in via straordinaria la distribuzione del bonus alimentare e del bonus famiglia. La domanda per entrambi va presentata entro il 31 gennaio 2021

24 novembre - 11:24

Partendo dal ritrovamento di un’esemplare investita da un’automobile, nella zona del Garda veronese, è stato possibile individuare un intero branco di sciacalli dorati, con almeno 3 cuccioli al seguito. L’esperto: “Si tratta sicuramente del gruppo più importante per l’espansione della specie in Italia”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato