Contenuto sponsorizzato

Ha con sé 28 dosi di eroina e cocaina, tenta la fuga ma viene arrestato

E' successo ieri sera in via Pozzo. A fermare il 20enne di origine tunisina due pattuglie del reparto prevenzione crimine Lombardia qui per le operazioni di controllo volute dalla questura di Trento

Pubblicato il - 13 ottobre 2016 - 13:24

TRENTO. Aveva con sé ben 28 dosi di sostanze stupefacenti, tra eroina e cocaina, per un perso totale di 20 grammi circa. E' stato tratto in arresto ieri sera un cittadino tunisino in via Pozzo da due pattuglie del reparto prevenzione crimine Lombardia di Milano che si trova a Trento nell’ambito della intensificazione delle operazioni di controllo volute dal questore di Trento finalizzate, tra l’altro, all’attività di contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nella zona del centro storico. Le due pattuglie lombarde, qui aggregate per i servizi in questione, hanno colto il 20enne, con la droga al seguito.

 

Gli agenti, sono arrivati nella zona in quanto era stata loro segnalata la presenza di un soggetto sospetto da alcuni cittadini. Lo straniero, accortosi della presenza degli agenti, ha tentato la fuga per le vie del centro, ma è stato bloccato prontamente dall’altra pattuglia che provvedeva a chiudergli la strada. Il p.m. di turno che ha seguito personalmente lo sviluppo dell’operazione ha quindi disposto il rito direttissimo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato