Contenuto sponsorizzato

Ha con sé 28 dosi di eroina e cocaina, tenta la fuga ma viene arrestato

E' successo ieri sera in via Pozzo. A fermare il 20enne di origine tunisina due pattuglie del reparto prevenzione crimine Lombardia qui per le operazioni di controllo volute dalla questura di Trento

Pubblicato il - 13 ottobre 2016 - 13:24

TRENTO. Aveva con sé ben 28 dosi di sostanze stupefacenti, tra eroina e cocaina, per un perso totale di 20 grammi circa. E' stato tratto in arresto ieri sera un cittadino tunisino in via Pozzo da due pattuglie del reparto prevenzione crimine Lombardia di Milano che si trova a Trento nell’ambito della intensificazione delle operazioni di controllo volute dal questore di Trento finalizzate, tra l’altro, all’attività di contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nella zona del centro storico. Le due pattuglie lombarde, qui aggregate per i servizi in questione, hanno colto il 20enne, con la droga al seguito.

 

Gli agenti, sono arrivati nella zona in quanto era stata loro segnalata la presenza di un soggetto sospetto da alcuni cittadini. Lo straniero, accortosi della presenza degli agenti, ha tentato la fuga per le vie del centro, ma è stato bloccato prontamente dall’altra pattuglia che provvedeva a chiudergli la strada. Il p.m. di turno che ha seguito personalmente lo sviluppo dell’operazione ha quindi disposto il rito direttissimo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 13:11

L'Austria vuole tenere aperti gli impianti, mentre in Svizzera si scia già. L'epidemiologo Lopalco a Piazza Pulita si è confrontato con Corona e ha spiegato: "Un centinaio di persone ammassate vicino ad un impianto di risalita rappresentano la condizione perfetta per la trasmissione del virus. Vale più la salute o l’economia?"

27 novembre - 13:14

Lo ha deciso il consiglio comunale dopo le tante prese in giro per il nome. Il paesino dal primo di gennaio si chiamerà Fugging 

27 novembre - 11:20

Ad essere coinvolte nel progetto promosso dalla Libera Università di Bolzano, è stata una classe della scuola primaria Nicolodi di Trento, una dell’istituto Bachlechner di Brunico e un gruppo di bambini giapponesi coetanei

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato